la festa

Cento volontari per “Autumnus” a Trento: 3 giorni di degustazioni, cooking show e caffè scientifici

Dal 24 al 26 settembre un’area di 8mila metri quadri sarà “occupata” dall’evento (totalmente plastic free) organizzato dalla Pro Loco centro storico

di Claudio Libera

TRENTO. Nel fine settimana dal 24 al 26 settembre, per rinverdire i fasti dell’Autunno Trentino e del Festival d’Autunno, la Pro Loco Centro Storico di Trento, con il suo presidente Marco Lazzeri ed i 100 volontari, dopo un anno e mezzo di studi, incontri, verifiche ed unione d’intenti per far rete, andrà in scena Autumnus Città di Trento. I frutti della terra, una manifestazione pensata, voluta ed organizzata dalla Pro Loco per valorizzare le grandi potenzialità del territorio, sia a livello culturale che di gusto.

Protagoniste dei tre giorni saranno le eccellenze e le unicità enologiche gastronomiche, agroalimentari e scientifiche del Trentino.

L’obiettivo che si pone la Pro Loco Centro Storico di Trento – come illustrato in presentazione – è duplice: allestire una vetrina delle eccellenze trentine che richiami attenzione a livello nazionale per poter assaggiare ma anche comprendere le peculiarità scientifiche attraverso registri e linguaggi di natura diversa. Dall’altra, essere un importante momento di aggregazione, condivisione, scoperta e di divertimento per vivere appieno la città ed il suo centro storico.

Si tratta di un progetto ambizioso, hanno ammesso che è documentato comunque dai numeri: oltre 370 prodotti territoriali in degustazione, 41 espositori, oltre 80 approfondimenti scientifici e masterclass di cui sei caffè scientifici, 12 degustazioni, 10 laboratori, due convegni, sei chef pronti a cucinare nelle sale del Buonconsiglio per beneficenza.

Un programma cui si aggiunge la totale mancanza di plastica, l’attenzione all’ecologia ed i 6.000 bicchieri personalizzati col logo Autumnus.

La manifestazione si svolgerà su un’area di 8.000 metri quadrati, da piazza D’Arogno – dove verrà ricostruita la mietitura del frumento e la produzione del grano - a piazza Duomo, dove verranno allestiti i padiglioni che erano utilizzati per il Festival dell’Economia, da via Belenzani, dove ci saranno i 41 espositori, a palazzo Geremia, dal teatro Sociale, a palazzo Roccabruna.

Per rendere tutto ciò possibile, sono stati coinvolti 100 volontari della Pro Loco, sostenuti dagli Istituti di tutela, dalle Fondazioni e dalle categorie economiche della città, dai bar e dai ristoranti che hanno aderito con entusiasmo.

Tra le innovazioni, anche un sistema di pagamento tramite gettoni, che saranno fisici ma pure virtuali; gli ospiti infatti potranno scaricare una app pensata per rendere l’evento più ecologico ed evitare code alle casse

Autumnus sarà aperto da venerdì 24 a domenica 26 settembre, dalle 9 alle 23; a causa della pandemia, i posti per partecipare alle masterclass ed alle degustazioni saranno limitati; per tutti gli eventi è quindi richiesta la prenotazione ed i partecipanti devono essere in possesso di Green Pass. L’accesso all’area espositiva di via Belenzani e piazza D’Arogno è invece libero, nel rispetto delle norme.

Per tutti i dettagli sull’evento e per prenotare la partecipazione - già attiva on line - è possibile rivolgersi al punto informativo allestito in piazza Duomo, dal 24 settembre o consultare il sito www.autumnus.trento.it o scrivere una mail a info@autumnus.trento.it