università

Al via il piano esecutivo per lo studentato di Piedicastello

Il progetto, dal valore di 31 milioni di euro, godrà del cofinanziamento ministeriale e si dividerà in 4 fasi di lavori. Ospiterà fino a 200 studenti



TRENTO. È stato approvato nella sede della Conferenza dei servizi il progetto esecutivo per la realizzazione della residenza universitaria di Piedicastello a Trento.

Il passaggio rappresenta l’ultimo gradino per il via libera definitivo al progetto che sarà ora messo a disposizione dell’Università di Trento per la richiesta di fondi statali di finanziamento sulla base del bando del Ministero dell’Università e della Ricerca.

In data 19 ottobre 2021, il Miur aveva infatti ammesso l’intervento al cofinanziamento ministeriale.
«Si tratta di un primo esito positivo nel percorso attuativo di questa importante iniziativa – sottolinea l’assessore provinciale allo sviluppo economico – la nuova struttura rappresenta una risorsa per sostenere la crescita dell’università in trentino e dare risposta ai bisogni abitativi della comunità studentesca nel capoluogo, garantendo il diritto allo studio».

Prevista la realizzazione di 55 alloggi per 200 posti letto, di cui 10 riservati ed attrezzati per persone diversamente abili, distribuiti su tre edifici dotati di fondazioni in cemento armato e strutture portanti in legno.

Il progetto, che pone grande attenzione agli aspetti ambientali ed energetici, nasce dall’intesa iniziale siglata tra Provincia Autonoma di Trento ed Università, per cogliere l’opportunità di combinare l’esigenza di riqualificazione territoriale ed il crescente fabbisogno di posti da destinare come alloggi per studenti.

L’esecuzione dei lavori si articolerà in realtà su quattro lotti esecutivi: il primo è destinato alla realizzazione delle opere di mitigazioni per la messa in sicurezza dell’adiacente parete rocciosa. Il secondo lotto è incentrato sulla demolizione preventiva di alcuni immobili e manufatti esistenti, il terzo lotto è destinato alla predisposizione delle opere di urbanizzazione, mentre il quarto ed ultimo lotto è appunto incentrato sulla costruzione dello studentato.

L’altezza massima degli edifici è di 16,50 metri, il volume totale edificato è di 28.130 metri cubi.
I tempi di esecuzione sono stati quantificati in 195 giorni per il primo lotto, 60 giorni per il secondo, 170 giorni per il terzo e 540 giorni la costruzione dello studentato.
Il costo totale dell’intervento ammonta da circa 31 milioni di euro, dei quali all’incirca la metà sono i costi di realizzazione dei lavori che saranno posti a bando di gara.

La disposizione degli edifici è stata pensata per generare una piazza/corte centrale attorno alla quale si sviluppano le funzioni collettive: le sale studi, le sale conferenze, la sala fitness sono collocate al piano terra mentre i piani superiori sono destinati alla residenza degli studenti.
Gli edifici saranno dotati di impianto di climatizzazione geotermico ad alta efficienza.

















Cronaca







Dillo al Trentino