scuola

Agli Artigianelli i primi diplomati alla «scuola di cartoon»

Concluso il primo corso e i partecipanti hanno già trovato lavoro nelle produzioni multimediali



TRENTO. Primi diplomati alla «scuola di animazione e fumetto»: in piazza Fiera “cartoon artist 2022 – un viaggio nel mondo dell'animazione tra testimonianze e racconti” è stato il festoso momento di conclusione di un nuovo corso di formazione dedicato all’animazione che conclude il primo anno di attività e presenta il lavoro straordinario compiuto insieme a 14 giovani animatori che sono stati formati e ora sono pronti per entrare nel mondo del lavoro.

«Sono orgoglioso di questo percorso specializzazione gestito dall'istituto artigianelli» sono le parole dell'assessore Mirko bisesti.

«Come gruppo alcuni siamo felicissimi di aver dato l’idea di realizzare questo corso e siamo ancora più felici che cinque ragazze e ragazzi che l’hanno appena completato possano – grazie alle competenze acquisite – iniziare a lavorare con noi già da dicembre di quest’anno» ha detto il produttore esecutivo di Gruppo Alcuni, Francesco Manfio. «Da parte mia sono particolarmente soddisfatto che il corso non si sia limitato a insegnare le mere tecniche e le conoscenze per diventare degli animatori, ma che abbia agito a tutto tondo affinché i ragazzi potessero acquisire una formazione completa.

Cartoon artist è l’unico corso ifts-istruzione e formazione tecnica superiore interamente dedicato all’animazione che offre ai ragazzi l’opportunità di avere un diploma riconosciuto dal ministero dell’istruzione. 14 in totale gli iscritti a questa prima edizione, praticamente tutti hanno già collaborazioni avviate e prospettive lavorative.

È anche l‘unico corso che ha permesso ai partecipanti di lavorare alla realizzazione di un programma televisivo. Stiamo parlando di “Gateway 66”, una serie di 26 episodi da 6 minuti l’uno coprodotto da gruppo alcuni e rai kids, che vede anche un importantissimo collegamento con la realtà trentina, in quanto è completamente ambientata al muse, il museo delle scienze.
 

















Cronaca







Dillo al Trentino