Scomparso Nino Triunfo, portò la pizza in città

Rovereto. Sabato mattina è stato trovato senza vita ai piedi del letto, stroncato da un infarto che non gli ha lasciato scampo. così è morto ernesto triunfo, 67 anni, da tutti conosciuto con il nome...

Rovereto. Sabato mattina è stato trovato senza vita ai piedi del letto, stroncato da un infarto che non gli ha lasciato scampo. così è morto ernesto triunfo, 67 anni, da tutti conosciuto con il nome di nino. il suo nome è legato alla pizzeria napoli di via paoli (aperta dal padre armando alla metà degli anni sessanta), poi al caffé rosmini (con la sala biliardo interrata, luogo di ritrovo di molti appassionati della stecca) e quindi al caffé pianobar triunfo (aperto con la moglie dolores negli anni ottanta), a metà di corso rosmini, all’ingresso della galleria del condominio venezia. con la cessione delle sue attività nino triunfo si era trasferito in provincia di udine, esattamente a tavagnacco dove è morto. in friuli aveva avviato la sua nuova azienda, un laboratorio di prodotti alimentari per pizzerie. «papà era ormai prossimo alla pensione e mi diceva che avrebbe chiuso il laboratorio alla fine dell’anno... invece non ha fatto nemmeno in tempo ad arrivare alla pensione...» racconta il figlio morris che appena avuta la notizia si è precipitato ad udine per organizzare il trasporto della salma in città in vista dei funerali fissati per domani alle ore 11.30 al cimitero di s. marco. sabato mattina, secondo quanto hanno potuto ricostruire i familiari, nino si era alzato per prepararsi il caffé. e già in cucina avrebbe avuto il malore. forse voleva andare a letto ma non ce l’ha fatta oppure si era alzato per andare in bagno cadendo però subito a terra. quando è stato ritrovato ormai non c’era più nulla da fare. moltissimi roveretani lo ricordano ad infornare pizze alla napoli (la prima pizzeria in trentino) oppure al caffé pianobar triunfo aperto fino a notte fonda e luogo di ritrovo di una rovereto che ora ha perso un suo personaggio. G. R.