LA TRAGEDIA

Muore con la moto sotto il pullman, la tragica fine di Morris Basso

Tragico incidente sulla Gardesana, alle 13 e 15 di ieri 11 settembre. Nato e cresciuto a Rovereto, dove è ricordato soprattutto per la collaborazione coi genitori alla pizzeria Margherita, viveva da anni a Malcesine. Lascia la compagna e un bimbo di 4 anni

MALCESINE. Morris Basso stava guidando il suo scooter, un Aprilia Atlantic. Aveva appena superato l’auto che lo precedeva e si è trovato davanti una Ford C-Max ferma in colonna. L’altra corsia occupata da un pullman che arrivava in direzione opposta. Infilarsi tra i due mezzi era impossibile. Un istante nel quale d’istinto ha tentato l’unica manovra possibile: fermare la moto.

Ma in accelerazione dal sorpasso appena chiuso, non ce l’ha fatta ed è finito contro la C-Max. Sbalzando nell’altra corsia proprio sotto il pullman turistico - una gita di un operatore veronese - che arrivava dall’altra parte e non ha avuto nemmeno il tempo di tentare una frenata. L’uomo, 39 anni, è morto sul colpo.

Nato e cresciuto a Rovereto, Morris Basso è il figlio di Renato Basso e Mirta Bona, fino a qualche anno fa gestori della pizzeria Margherita, ora in pensione. Anche lui aveva lavorato alla Margherita, ma solo occasionalmente. Da qualche anno si era trasferito a Malcesine, dove viveva con la sua compagna, Arianna, ed il figlioletto Samuel, che il 9 ottobre compirà 5 anni. Proprio il giorno prima di quello che sarebbe stato il compleanno di Morris, che il 10 avrebbe compiuto 40 anni.

Anche a Malcesine Morris aveva proseguito l’attività lavorativa nel settore della ristorazione. Era caposala all’Hotel Val di Sogno.