Edilpavimentazioni l’opposizione chiede sia spostata

Levico terme. Il gruppo consigliare Impegno per Levico, composto da Tommaso Acler, Riccardo Vettorazzi, e Laura Uez, in seguito all'assemblea della Consulta di Quaere, ha redatto una mozione per la...

Levico terme. Il gruppo consigliare Impegno per Levico, composto da Tommaso Acler, Riccardo Vettorazzi, e Laura Uez, in seguito all'assemblea della Consulta di Quaere, ha redatto una mozione per la delocalizzazione dell'azienda Edilpavimentazioni, a causa della quale «da anni i cittadini di Quaere e Santa Giuliana – scrivono i consiglieri - hanno visto una diminuzione della qualità della vita».

«Rumori - continua il testo della mozione -, anche in orari in cui la popolazione dovrebbe avere il diritto a un sereno riposo, odori nauseabondi, traffico incontrollato di camion. La situazione non è migliorata anche se la Provincia è intervenuta installando un “naso elettronico” e aumentando i controlli. La vicenda ricorda da vicino l'impianto di biocompostaggio di Campiello. Noi crediamo che la situazione non migliorerà e non ci sarà mai un pieno diritto per i cittadini di Quaere e Santa Giuliana a godere di una vita salubre all'interno delle case che hanno costruito con fatica. I cittadini hanno sopportato troppo a lungo questa situazione, assistendo – impotenti - a una vita rovinata e, tra il resto, a una sensibile diminuzione del valore dei propri immobili».

Ecco dunque la richiesta di Impegno per Levico che, come scritto dal Trentino, è la richiesta di sempre dei cittadini e che anche il presidente del consiglio regionale, Roberto Paccher, individuava, intervenendo all'assemblea della Consulta, come «l'unica che potrebbe risolvere definitivamente i disagi sopportati dai residenti», ma finora nessun gruppo politico l'aveva volta in mozione.

Impegno per Levico chiede quindi che sindaco e giunta intervengano «presso la Provincia affinché, in tempi brevi, si arrivi a una delocalizzazione dell'attività della Edilpavimentazioni che consenta agli abitanti di tornare a una vita tranquilla, e alla ditta di espandersi e operare meglio». F.Z.