montagna

Tragedia in Presanella: cordoglio per la morte di Enrico Giovannini

L’alpinista 54enne di Flavon era un volto della tv con i guerrieri di “Ski Alp”. In val di Non vasto cordoglio per il “ministro”, come era soprannominato 



FLAVON. C’è ancora incredulità e dolore in val di Non per la morte di Enrico Giovannini, il 54enne di Flavon che ieri (22 maggio) è precipitato dalla Presanella e morto dopo un volo di cinquecento metri.

Quello di Giovannini era un volto che si era fatto a conoscere, fra gli appassionati della montagna, anche grazie alle telecamere di Trentino Tv per le quali si è prestato per la trasmissione Ski Alp di cui era protagonista assieme agli altri compagni di avventure, ribattezzati “i guerrieri”.

Anche sui social numerosi i messaggi increduli di cordoglio per il “Ministro”, come era soprannominato per l’omonimia con il ministro delle infrastrutture e della mobilità.

Giovannini – che era manutentore alla Dalmec – all'alba di domenica era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico e compagno di tante escursioni in quota Andrea Bonn.

I due dovevano risalire la parete nord della Presanella. La tragedia quando mancavano poche decine di metri alla vetta.

Giovannini è caduto davanti agli occhi dell’amico che ha chiamato subito i soccorsi.

Erano circa le 7.30 quando si è alzato l'elisoccorso, che ha individuato l'alpinista alla base della parete. I tecnici del soccorso alpino dell'elisoccorso non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo. In seguito, l'elicottero ha operato per recuperare il compagno dell'alpinista, che era sotto shock.

















Cronaca







Dillo al Trentino