Il caso

Il prof denuncia: “Ai docenti il vaccino AstraZeneca anche se soggetti fragili”

Veltri (Unitn): “La circolare del ministero dice che a queste categorie spettano Pfizer o Moderna”



TRENTO.  "Nella procedura di prenotazione per il vaccino per il personale docente scolastico e universitario del Trentino si è automaticamente assegnati al vaccino AstraZeneca e si viene allocati ad un richiamo dopo tre mesi. Questo a prescindere alle proprie condizioni di salute e alla circolare del Ministero della salute che individua i soggetti fragili o molto fragili a cui invece deve essere somministrato il vaccino Pfizer o Moderna". Lo scrive, in una nota inviata alla stampa, il professor Giuseppe Veltri, docente di "Research methodology and cognitive sociology" all'Università di Trento (Unitn).

Veltri rileva come l'Azienda provinciale per i servizi sanitari non abbia incrociato i dati relativi al personale con problemi di salute, escludendo il siero Az per i soggetti fragili. "Parliamo comunque di un gruppo di persone non giovani che vengono assegnate a Az. Quando si recheranno al punto vaccinale e dovranno dichiarare il proprio stato di salute, se rientrano nella categoria molto fragile o fragile verranno esclusi dalla vaccinazione", prosegue Veltri. 

















Cronaca







Dillo al Trentino