Grandi carnivori

Enpa: “In un solo anno in Trentino sono morti otto orsi, troppi per essere un evento fortuito”

Secondo l’ente a protezione degli animali: “C'è il rischio di una esplosione del bracconaggio e di una campagna di sterminio. La responsabilità politica di queste morti ricade tutta su Maurizio Fugatti”



TRENTO. "M62, F36 e ora MJ5. Tutti gli orsi che il presidente della Provincia autonoma di Trento aveva in un modo o nell'altro condannato a morte sono effettivamente deceduti. Sono morti in circostanze che non possono essere considerate né misteriose né fortuite". Secondo l'Ente Nazionale Protezione Animali, "dietro questi decessi - troppo numerosi e troppo ravvicinati nel tempo per pensare a un evento fortuito - non può che esserci la mano dell'uomo, mossa da un disegno preciso: eliminare i plantigradi del Trentino".

D'altro canto - prosegue l'Enpa - "lo stesso presidente della Provincia nei giorni scorsi ha annunciato la presentazione di un disegno di legge regionale per autorizzare il Trentino a massacrare otto orsi l'anno". Come già fatto nel caso di M62 e di F36, anche per MJ5 Enpa sta presentando alla Procura della Repubblica di Trento una denuncia "per uccisione di animali di specie protetta, ipotizzando un atto di bracconaggio". "L'iniziativa è finalizzata non soltanto a individuare eventuali responsabili per la morte di MJ5, qualora fosse accertato la natura dolosa del decesso - quasi certa, visto il ripetersi di queste situazioni - ma anche ad evitare che la Provincia Autonoma di Trento faccia calare ancora una volta il silenzio su questi fatti". Oltre alla magistratura, l'associazione animalista chiama in causa, con una lettera a Bruxelles, anche la Commissione europea, "in considerazione del fatto che i plantigradi godono di un regime di protezione rafforzato, accordato loro dalla direttiva Habitat".

"C'è il rischio molto forte di assistere ad una esplosione del bracconaggio e ad una vera campagna di sterminio. La responsabilità politica di queste morti - secondo Enpa - ricade tutta su Maurizio Fugatti che, invece di impegnarsi con atti concreti per favorire la convivenza tra uomini e animali selvatici, ha scatenato una guerra senza quartiere contro di loro: in un solo anno in Trentino sono morti ben 8 orsi (considerando anche MJ5), proprio il numero di plantigradi che il presidente vorrebbe far fuori con il suo ddl 'ammazza plantigradi'". 













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs