L'AGGIORNAMENTO

Coronavirus, in Trentino ancora 11 morti. La Provincia: ecco le misure a sostegno dell'economia

I dati diffusi dalla task force provinciale. Le vittime sono in totale 255. In terapia intensiva 77 persone. Ferro: "Ai minimi storici il numero dei positivi sui prelievi fatti: 10%". In tre siti il confezionamento delle mascherine con 54 persone del Progettone coinvolte. Raccolte 9.162 domande per il Bonus alimentare. Ferro: "Ai minimi storici il numero dei positivi sui prelievi fatti: 10%"

TRENTO. Undici nuovi decessi per Coronavirus in Trentino per un totale di 255. In terapia intensiva 77 persone. Altri 106 casi di contagio, (a fronte però di ben mille tamponi), per un totale di 3342, dei quali 873 nelle Rsa.

"Siamo attivati al 10% dei positivi sui prelievi fatti, uno dei minimi storici, dato che dipende anche però da dove vado a fare il tampone", ha spiegato il dottor Antonio Ferro, direttore del Dipartimento di prevenzione dell'Azienda sanitaria.

Le vittime sono di Spiazzo, Pellizzano (4 persone), Rovereto, Predazzo, Comano, Mezzolombardo, Brentonico e Scurelle.

I nuovi casi: ad Arco 273 (+12), a Pergine 204 (+29), a Trento 419 (+3 ), a Rovereto 103, a Riva 100.

Sono 411 i ricoverati nelle Rsa, 159 nelle case di cura, 1668 le persone a casa, 407 i guariti.

I dati sono stati diffusi oggi, mercoledì 8 aprile, durante il quotidiano aggiornamento sul contagio da Covid 19 in Trentino.

"Un'altra vittima eccellente del Coronavirus è l'economia. Il Trentino della fase 2 sarà diverso, con criteri da rispettare diversi", ha detto il governatore Maurizio Fugatti. "Se molliamo un attimo la curva torna a salire. E' una guerra che richiede perseveranza".

"Riparti Trentino" è il nome dell'iniziativa che contiene le misure per aiutare gli operatori economici colpiti dall'emergenza. "La Provincia, Cassa del Trentino, il Fondo strategico e Confidi hanno unito le forze per offrire: sospensione di mutui, canoni o leasing, attivazione di linee di finanzamento con un contributo annuo della Provincia, supporto e consulenza gratuita".

Per offrire più liquidità a imprese e famiglie è stato differito il pagamento dell'Imis (il valore è di 90 milioni) e dei tributi comunali (per 85 milioni): il totale dà 175 milioni di euro.

Sospesi affitti e leasing fino ad agosto (per 8 milioni) a favore delle imprese.

Da aggiungere i protocolli "Consegno in Trentino" e "Bonus Alimentare".

Il presidente ha ringraziato le 54 persone che in tre siti (a Marco, Gardolo e Lavis) lavorano per la Protezione civile nel confezionamento delle mascherine, grazie alla collaborazione con i lavoratori del Progettone (si veda la foto). La confezione contiene due mascherine e un foglio di istruzioni.

Quanto alle sanzioni, ieri sono stati 73 le persone multate.

 

"In carcere le persone positive sono gestite con tranquillità", ha detto il dottor Giancarlo Ruscitti, dirigente generale del Dipartimento salute e politiche sociali.

 

Claudio Ramponi, dirigente del Pronto soccorso del Santa Chiara ha spiegato che "nel vecchio pronto soccorso, prima utilizzato dagli ortopedici, è stato allestito un nuovo pronto soccorso".

Ora il referto del tampone - ha aggiunto - è disponibile in sole 3 ore. I pazienti attendono in un'area per l'osservazione breve.

 

Del Bonus alimentare ha parlato l'assessora alla salute Stefania Segnana. Alle 16 di oggi sono state raccolte 9.162 domande.

Già 535 quelle approvate dai servizi sociali, che saranno girate ad Apapi.

Per il vaccino si prevede sia pronto verso la fine del 2021, ha detto il dottor Antonio Ferro.

"Una quindicina dei nuovi casi derivano dalle Rsa, 14 dal pronto soccorso, una trentina da un contagio familiare e altrettanti la cui causa è difficile da individuare: questo ci fa capre quanto sia importante stare a casa".