Dillo al Trentino

Quando le aziende sono costrette ad usare internet con una chiavetta: «Nel 2021 è una situazione insostenibile»

La segnalazione: «Nella zona produttiva Mala di Nago la connessione è scarsissima, eppure il Comune ha portato la dorsale della fibra ottica». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 

NAGO. La questione della fibra ottica e più in generale della rivoluzione tecnologica sta prendendo sempre più piede su “Dillo al Trentino”, segno che la connessione internet si è trasformata nel tempo da elemento importante a vero e proprio bene primario della nostra vita.

E se lo è nelle case private (pensiamo allo smartworking e alla Dad, per non pensare alle smart tv e alle tecnologie domotiche) figuriamoci nelle zone produttive dove le aziende hanno necessità di avere connessioni veloci e stabili.

E se invece la fibra ottica è lì, ad un tiro di schioppo, ma le aziende si devono arrabattare con connessioni più lente e di fortuna? Ecco che l’appello all’amministrazione comunale a fare in fretta e sistemare le cose scatta a gran voce.

A segnalare la situazione della zona produttiva di Nago Torbole è Alessandro che ha inviato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Scrive Alessandro: «Buongiorno, ho visto i numerosi interventi che riguardano la questione della fibra ottica in Trentino e volevo segnalare la situazione di Nago Torbole. Mi chiedo come un Comune che lottizza un’area industriale come quella della Mala, dopo aver creato e portato anche la dorsale della fibra, non sia però in grado di servire le proprie aziende insediate in quel territorio.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Attualmente c’è chi a fatto un contratto con Eolo (che permette di navigare attraverso delle antenne radio), chi con una chiavetta e un modem 4G (situazioni queste ultime che potrebbero anche essere un ripiego se non fosse che con questi metodi non si riesce ad avere un IP fisso), chi con l’Adsl ancora lenta: purtroppo quest’ultima ha il nodo più vicino a Torbole a quattro chilometri dalla zona produttiva della Mala, situazione che porta ad avere una altissima caduta di segnale che partendo da una velocità di 10 Mega arriva all’utente ad una velocità di circa 3 Mega.

Questa situazione nel 2021 ormai sta diventano insostenibile perché se non si ha una connessione potente e stabile è quasi impossibile lavorare. Ribadisco, stiamo parlando di un’area produttiva e non di una abitazione privata», conclude Alessandro.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.