il caso

Amanda Knox: “Mi rivedo in Chico Forti”

La giovane condannata e poi definitivamente assolta per l'omicidio di Meredith Kercher: “C'è un pregiudizio su di me come qui, negli Stati uniti, c'è per Chico” (foto Ansa)



SEATTLE. Amanda Knox si rivede in Chico Forti, l'imprenditore trentino detenuto da 20 anni in Florida e in attesa di essere estradato per scontare in Italia l'ergastolo per un omicidio per cui si è sempre proclamato innocente. Lo ha detto in un'intervista alle Iene che la trasmetteranno venerdì in prima serata su Italia1. "C'è un pregiudizio su di me come qui, negli Stati uniti, c'è per Chico. Mi vedo in lui, riconosco quella sofferenza e quella speranza di essere riconosciuto per quello che è" ha detto Knox, condannata e poi definitivamente assolta per l'omicidio di Meredith Kercher compiuto a Perugia la sera del primo novembre del 2007. Delitto per il quale è stata detenuta per quasi quattro anni come Raffaele Sollecito, anche lui poi assolto dalla Cassazione.

"L'Italia è importante per me" ha detto Knox alle Iene, secondo quanto anticipato dalla trasmissione. "Io non porto rancore nei confronti dell'Italia - ha aggiunto - e so che gli italiani che continuano a odiarmi, odiano un'idea di me che non esiste. E non è colpa loro. Sono stati messi davanti a una storia falsata, sono stati ingannati, quindi non è colpa loro. In ogni caso sono felice di poter offrire il mio punto di vista per aiutare un italiano. Tutti i sistemi giudiziari oscillano e fanno degli errori. Non si può dare per scontata la giustizia, non è qualcosa che ti viene semplicemente data, anche se te la meriti, ma qualcosa per cui devi lottare e Chico lo farà per il resto della sua vita".

Sempre sul caso Forti, la giovane di Seattle ha detto di essere stata "molto commossa dall'onda di solidarietà degli italiani nei suoi confronti". "Mi ha ricordato - ha aggiunto - quella che gli americani hanno rivolto su di me. La giustizia americana ha fatto malissimo a lui. Nelle due vicende molte cose sono simili. Il suo interrogatorio non è stato registrato, poi hanno costruito un caso contro di lui che era privo di evidenze. Questo caso è imbarazzante, non ci sono prove contro di lui. La polizia ha deciso sin da subito il colpevole e nel momento in cui per loro l'evidenza era un ostacolo hanno inventato altre prove".













Scuola & Ricerca

In primo piano

Viabilità

Era stata riaperta pochi giorni fa, chiusa di nuovo causa maltempo la statale della Valdastico fra Folgaria e il Veneto

Il messaggio del sindaco di Folgaria, Michael Rech, sui social: «Il Servizio strade della PAT, viste le recenti previsioni meteo, per ragioni di sicurezza, ha deciso di chiudere dalle 19.00 di oggi lunedì 22 aprile, la SS 350 da loc. Buse al confine provinciale, fino alle ore 7.00 di mercoledì 24 aprile, salvo evoluzione meteo sfavorevole”»

CADUTA MASSI. Lo smottamento è avvenuto questa notte fra l'11 e il 12 febbraio
A NOVEMBRE. Uno smottamento nello stesso luogo pochi mesi fa