l’emergenza

La sindaca di Riva: «orgogliosa di ospitare i profughi afghani»

Cristina Santi (Lega): “Al termine dei giorni di quarantena, andrò personalmente a salutarli, a complimentarmi con loro per aver scelto i valori dell'Occidente”

LA DECISIONE: 90 profughi a Riva

IL VIDEO: le mamme in lacrime passano i loro figli ai soldati in aeroporto: «Portateli via»



RIVA DEL GARDA. “Non solo ho accettato la proposta del Presidente della Provincia Maurizio Fugatti, ma ne sono orgogliosa: circa 90 di rifugiate e rifugiati afghani saranno ospitati a Riva del Garda per un periodo di quarantena di circa dieci giorni, trascorso il quale saranno destinati verso località decise a livello nazionale”.

Così la sindaca di  Riva (della Lega) Cristina Santi conferma la decisione di scegliere un struttura militar del suo Comune per ospitare 90 afghani che arriveranno nei prossimi giorni. E lo fa con un post su Facebook.

"La struttura prescelta per la quarantena  – spiega ancora Santi – è di proprietà dall'Esercito. Guardate le immagini, le mamme fuori dall'aeroporto di Kabul, minacciate dai talebani, fanno di tutto per salvare almeno i figli, e li lanciano ai militari oltre le recinzioni in cemento, anche a costo di separarsene.

Si tratta insomma di ospitare veri profughi, gente che ha tra l'altro simpatia per l'Occidente e scappa dai terroristi islamici, gente che aveva collaborato attivamente con i nostri militari, creando vincoli di amicizia, rispetto e riconoscenza.

Al termine dei giorni di quarantena, andrò personalmente a salutarli, a complimentarmi con loro per aver scelto i valori dell'Occidente, della democrazia e della libertà! Contro il terrorismo islamico, ora e sempre.

Dalla parte delle donne umiliate, dei bambini, dei deboli e degli indifesi! Riva come sempre c'è, farà la propria parte, e ci mette la faccia!"

















Cronaca







Dillo al Trentino