l’omicidio

Ex vigilessa scomparsa: è stata soffocata e poi  seppellita

Depositata la relazione del medico legale sulla morta di Laura Ziliani: per lunghe settimane era stata cercata nei boschi al confine fra Lombardia a Trentino. In carcere per omicidio due sue figlie e il fidanzato di una di loro 

BRESCIA.  Laura Ziliani sarebbe stata soffocata e poi seppellita: sono le conclusioni alle quali è arrivato il medico legale che, secondo quanto riferito dal Giornale di Brescia, ha depositato nelle scorse ore la relazione medico legale conclusiva sulla 55enne di Temù, nel Bresciano, scomparsa l'8 maggio è ritrovata cadavere nell'agosto scorso.

Il medico legale esclude il suicidio e la morte naturale.

Dal 24 settembre scorso sono in carcere, con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere, Paola e Silvia Zani, due delle tre figlie di Laura Ziliani, e Mirto Milani, il fidanzato della maggiore.

I tre sono sempre rimasti in silenzio. La Procura di Brescia sarebbe ora pronta a chiudere le indagini.