il funerale

Commozione in Campidoglio per l'ultimo saluto a Piero Angela

Il figlio Alberto, commosso, lo ricorda: «Ha sempre unito, era riservato ma aveva un fuoco dentro»
IL LUTTO - Morto a 93 anni Piero Angela, padre della divulgazione italiana



ROMA. «Le persone che amiamo non vorrebbero mai lasciarci. Però accade. Mio padre è riuscito sempre a unire pur mantenendo le sue opinioni. In questi giorni ci hanno sorpreso messaggi, articoli, pieni non dolore ma di amore, un sentimento che rimane e che si trasforma in valore. E i valori sono eterni».

Così un commosso Alberto Angela ha ricordato il padre Piero, scomparso il 13 agosto, parlando nella Sala della Protomoteca del Campidoglio dove è allestita la camera ardente.

«L'ultima cosa che fisicamente che ha detto, il comunicato, con poche forze, l'abbiamo raccolta io e mia sorella e trascritta. Era come se parlasse agli amici, si è rivolto al suo pubblico, a chi lo ha amato», ha proseguito di fronte al feretro ricoperto da rosse rosse, e circondato da tante corone.

«Ci ha insegnato tante cose, con libri e trasmissioni, ma anche con l'esempio: negli ultimi giorni mi ha insegnato a non aver paura della morte. La sua serenità mi ha davvero colpito. Se ne è andato soddisfatto, come quando ci si alza dopo una cena con gli amici», ha aggiunto, rivolgendosi alle tante persone presenti, tra cui il sindaco di Roma Gualtieri, il presidente della regione Lazio Zingaretti, la presidente della Rai Marinella Soldi e l'ad Rai Carlo Fuortes.

«Sembrava riservato ma dentro aveva un fuoco. Continuerà a vivere attraverso libri, trasmissioni e dischi e in tutti quei ragazzi che con sacrificio cercano l'eccellenza, nei ricercatori, nelle persone che cercano di unire, che cercano la bellezza della natura e di assaporare la vita. La sua è una eredità non fisica ma di atteggiamento nella vita. Ci ha detto di fare la nostra parte, e anche io ora cercherò di fare la mia», ha concluso infine Alberto Angela, il cui intervento è stato suggellato da un lunghissimo applauso.

















Cronaca







Dillo al Trentino