il processo

Uccise moglie con 43 coltellate, confermata condanna a 30 anni

Il delitto a Merano nel 2018. A perdere la vita fu Alexandra Riffeser. La difesa di Johannes Beutel andrà in Cassazione

La sentenza di primo grado: "Tagli in faccia per farla soffrire"

BOLZANO. La Corte d'assise d'appello di Bolzano, presieduta dalla giudice Silvia Monaco, ha pienamente confermato questa sera la condanna di primo grado, a 30 anni di reclusione con rito abbreviato, a carico di Johannes Beutel.

L'austriaco quarantenne, il 24 settembre 2018 uccise la moglie Alexandra Riffeser con 43 coltellate.

In primo grado venne condannato a 30 anni, cioè il massimo della pena con rito abbreviato per omicidio volontario aggravato. La Corte d'assise d'appello ha confermato in toto la sentenza di primo grado, come era stato richiesto dalla Procura generale.

Merano, sul luogo dell'omicidio

L'omicidio di Alexandra Riffeser è avvenuto nell'agriturismo Huberhof tra i vigneti di Merano e Lagundo (video Pablo Acero)

Confermata quindi anche l'aggravante della crudeltà, che era stata messa in discussione dalla difesa. Gli avvocati difensori hanno annunciato ricorso in Cassazione.