lieto fine

Non trova il figlio e dà l’allarme: giovane scialpinista localizzato dal Soccorso alpino nella notte in Panarotta

Il giovane stava tornando alla macchina con un compagno di escursione (foto Soccorso alpino)



PERGINE. Stava ritornando alla sua auto con un amico il ventunenne scialpinista raggiunto dagli uomini del Soccorso alpino la notte scorsa in Panarotta.

A dare l’allarme – poco dopo le 3 – un genitore, molto preoccupato dopo non avere trovato il figlio al telefono. Il ragazzo si è dimostrato sorpreso dallo spiegamento di mezzi per la ricerca notturna. 

Coinvolti nelle operazioni gli operatori delle Stazioni di Pergine e di Levico,  impegnati lungo le piste con quad e motoslitta, con il supporto dei vigili del fuoco.

















Cronaca

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino