Nei 42 orti comunali di Cles  l’accesso è contingentato

Cles. È tempo di semine e con propria ordinanza il sindaco Ruggero Mucchi ha deciso di disciplinare l’accesso ai 42 orti di proprietà comunale presso l’edificio Don Orione sul Dos di Pez, presso la...

Cles. È tempo di semine e con propria ordinanza il sindaco Ruggero Mucchi ha deciso di disciplinare l’accesso ai 42 orti di proprietà comunale presso l’edificio Don Orione sul Dos di Pez, presso la Canonica di Mechel e il Prà dei Perari. Gli orti sono stati dati in concessione ad altrettanti concittadini, hanno piccola metratura e sono adiacenti l’uno all’altro per cui i lavori di coltivazione sono svolti in stretta vicinanza tra i diversi assegnatari e alcune attrezzature, fra cui l’impianto irriguo, sono di uso comune. Come dispone l’ordinanza, l’accesso ad ogni orto deve avvenire esclusivamente per una persona alla volta, evitando la compresenza di più persone nel medesimo orto; l’accesso ad ogni orto è consentito a giorni alternati: nei giorni pari accesso libero a quelli con numero progressivo pari; nei giorni dispari accesso libero agli orti con numero progressivo dispari; che nelle attività di coltivazione siano rispettate le norme di carattere generale (lavarsi spesso le mani, evitare abbracci e strette di mano, mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro, o, qualora non possa essere garantita tale distanza, indossare la mascherina); che nell’utilizzo delle attrezzature di uso comune si faccia uso di guanti monouso; garantire la pulizia e l’igienizzazione delle attrezzature utilizzate e che guanti e mascherine siano infine smaltite al proprio domicilio. G.E.