il caso

"Mi trattano come se fossi una lavapavimenti": così Sara Pedri scriveva al fidanzato

Domani la trasmissione “Chi l’ha visto?” torna sulla scomparsa della ginecologa

CASO PEDRI: Le tappe della vicenda



TRENTO. "Mi trattano come se fossi una lavapavimenti", scrive al fidanzato Sara Pedri, la giovane ginecologa scomparsa dal marzo scorso. Una frase pesante che viene usata come “presentazione” per la trasmissione di domani sera, 22 settembre, di “Chi l’ha visto?”.

La trasmissione di RaiTre condotta da Federica Sciarelli  sta seguendo da mesi la vicenda della ginecologa scomparsa dopo un periodo di lavoro nel reparto di ginecologia del Santa Chiara.

Una scomparsa che avuto conseguenze molto importanti con l’apertura di un fascicolo e l’attività ispettiva da parte del ministero della salute e anche da parte di una commissione interna all’Apss. 

Il giallo di Sara Pedri, la ginecologa scomparsa: tutte le tappe della vicenda

Dalla scomparsa nel nulla al terremoto che scuote l’Azienda sanitaria: tutte le tappe del giallo di Sara Pedri che ha sconvolto tutti noi

















Cronaca

le foto

Francesco, l'abbraccio dopo una notte trascorsa da solo nel bosco a nove anni

Francesco, visibilmente spaventato per la notte trascorsa in mezzo al bosco, è stato avvicinato con molta cautela dai tre soccorritori dell'elicottero Drago 149 dei Vigili del fuoco di Venezia. "Andiamo a fare un giro in elicottero?" gli ha chiesto uno dei tre. Il bambino ha accettato subito, vincendo le paure. E' stato imbragato e insieme ad un vigile del fuoco che lo ha abbracciato con il verricello è stato portato in volo sino al campo base, dove lo aspettavano i genitori. (foto vigili del fuoco)

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino