il dopo voto

Resa dei conti nel centrodestra trentino, FdI attacca Tonina (e Fugatti)

Cia: «Voleva candidarsi contro la nostra coalizione, chiarisca. Il governatore si confronti con noi». A Milano la Lega conferma la fiducia a Salvini (foto Ansa)

I COLLEGI UNINOMINALI: Centrodestra a Roma con de Bertoldi, Biancofiore, Testor e Cattoi. Patton strappa Trento

IL PROPOZIONALE: Dentro Ferrari, Ambrosi e Steger in Parlamento. Fuori Binelli

TERZO POLO. Mario Raffaelli non ce la fa nel Lazio

 



TRENTO. In Trentino il risultato delle elezioni - con la Lega che è stata doppiata da Fratelli d’Italia, che passando dal 3,4% al 25% diventa primo partito - fa emergere i primi attriti nella coalizione di centrodestra che sostiene la Giunta Fugatti, con Fratelli d’Italia che attacca il vicepresidente Mario Tonina (Progetto Trentino).

Il consigliere provinciale e assessore regionale Claudio Cia (Fratelli d'Italia) ha chiesto pubblicamente che venga chiarita la posizione del vicepresidente e assessore all'ambiente: «Non ci pare normale che un vicepresidente, sostenuto dal centrodestra, prima tenti la candidatura contro la nostra coalizione, poi, dopo essere stato stoppato, acquisti un'intera pagina su un giornale locale invitando a votare il Patt-Svp, firmandosi anche con il ruolo istituzionale. Questo ci sembra scorretto», ha spiegato Cia.

«Crediamo nel centrodestra e lavoriamo per una sua credibilità e autorevolezza, ma volgiamo capire a che gioco si sta giocando», ha aggiunto. Sul punto, Cia non ha risparmiato nemmeno Fugatti: «Sarebbe ora e tempo - ha detto all'Ansa - che il presidente inizi a confrontarsi con il nostro commissario, che sta aspettando una sua chiamata dallo scorso dicembre. Si tratta di correttezza nei rapporti tra forze politiche».

Intanto a Milano il Consiglio federale della Lega, dopo una riunione durata quattro ore, ha confermato la fiducia al segretario Matteo Salvini. "La Lega sarà parte fondamentale del governo di centrodestra", sottolinea una nota.

Il risultato delle elezioni di domenica 25 settembre, dove la Lega subisce un crollo dei consensi e scende sotto il 9%, è stato al centro del confronto tra i vertici del partito.

Nella sede di via Bellerio a Milano c’erano anche i governatori del Carroccio, presente anche Maurizio Fugatti che finora è rimasto in silenzio di fronte ai risultati.

A testimonianza del clima di condivisione, la Lega ha diffuso una foto della riunione in cui si vede Salvini seduto accanto a Luca Zaia. Poi Massimiliano Fedriga vicino a Attilio Fontana. Poco dietro Giancarlo Giorgetti seduto vicino a Fugatti.

"La Lega sarà parte fondamentale del governo di centrodestra". E' quanto sottolinea in una nota il Consiglio federale del partito, che si sta svolgendo in via Bellerio, a Milano. "Due ore di lavoro con lo sguardo rivolto soprattutto al futuro e ai problemi da risolvere grazie al nuovo governo di centrodestra, di cui la Lega sarà parte fondamentale", scrive la Lega in una nota. ANSA/UFFICIO STAMPA LEGA +++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

"E ora si parla di un congresso straordinario della Lega. Ci vuole. Io saprei chi eleggere come nuovo segretario. Ma, per adesso, non faccio nomi", aveva scritto l'ex segretario federale della Lega ed ex governatore della Lombardia Roberto Maroni nella rubrica "Barbari Foglianti" su Il Foglio.

E lo stesso Luca Zaia aveva espresso un giudizio severo: «Il voto degli elettori va rispettato, perché, come diceva Rousseau nel suo contratto sociale, 'il popolo ti delega a rappresentarlo, quando non lo rappresenti più ti toglie la delega'. E' innegabile come il risultato ottenuto dalla Lega sia assolutamente deludente, e non ci possiamo omologare a questo trovando semplici giustificazioni».

 

















Cronaca







Dillo al Trentino