L'aeroporto

Skyalps scalda i motori: primo volo da Bolzano il 29 maggio 

La compagnia bolzanina parte con i charter per Sicilia, Sardegna e Calabria: spedita la comunicazione alle agenzie viaggi. A giugno il collegamento di linea per Roma



BOLZANO. Il 29 maggio Bolzano riapre ai voli. È per quel giorno che è previsto in decollo in primo charter da San Giacomo. Sarà un Dash di Skyalps la neonata compagnia aerea di Abd. Perché questa inedita certezza, in tempi di incertezze? La ragione è che tutte le agenzie viaggi hanno ricevuto in queste settimane il via libera per programmare, pubblicizzare e vendere pacchetti vacanze da Bolzano verso il sud. Si tratta di voli settimanali, nel week end, con partenza dallo scalo altoatesino e attivi in tre località: Catania, Cagliari e Lamezia. Dunque Sicilia, Sardegna e Calabria. Quest’ultima è la novità. La stessa comunicazione che ha sancito, indirettamente, la ripresa dei voli Abd, definisce anche l'ultima data utile per i voli charter da Bolzano: il 29 agosto.

Si tratta dunque di un raggio di impiego turistico di tre mesi. Ed è la prima volta che Skyalps definisce commercialmente questa agenda, dunque sancendo la data d'avvio dell'attività. La quale era stata a lungo in forse. Prima , naturalmente, per la pandemia, poi per lo stato di approntamento delle strutture aeroportuali e per gli impegni legati alla selezione del personale. Questa comunicazione alle agenzie, ponendo in essere una attività commercialmente importante e stringente, fa capire che il mondo dell'economia guarda all’inizio dell’estate come al momento in cui la stretta pandemica potrà rifiatare e, nello stesso tempo, chiarisce il calendario operativo del presidente Gostner rispetto all'attività dello scalo.

Le prime prenotazioni.

Molte delle agenzie raggiunte dal via libera per i voli da Bolzano, hanno già attivato la loro clientela e firmato i primi contratti con gli alberghi di riferimento nelle isole. Detto della ripresa delle linee turistiche da e per il sud Italia, resta da definire l’agenda riguardante i voli di linea. "«È plausibile pensare che le prime rotte per Roma possano riattivarsi entro i primi di giugno» ha detto Josef Gostner. Qui, l'imprenditore a capo di Abd si prende ancora un margine di incertezza perché si tratta di un’attività strutturale, legata alle esigenze degli aeroporti di riferimento, cioè o Ciampino o Fiumicino, e anche alle connessioni con le rotte internazionali che il volo su Roma presuppone per molti dei suoi utilizzatori. Una volta avviata la rotta sulla capitale, questa dovrà avere cadenza giornaliera e dunque poggiare su presupporti di contesto ancora più soldi rispetto ai charter.

La data dei primi di giugno resta tuttavia la più plausibile, anche per via del fatto che l'orizzonte pandemico, con la campagna vaccinale per quella data ormai in azione da più di tre mesi potrà far rallentare le misure di contenimento e aprire il Paese ai collegamenti extra regionali. Sono in corso, in queste settimane, contatti anche con altri scali interessati alle rotte su Bolzano, come quello di Vienna, di Francoforte e della stessa Milano. I vettori messi in campo saranno quelli già collaudati da Skyalps , in particolare il Dash 8 /400, dal costo di 30 milioni di euro e in grado di trasportare più di 70 passeggeri. Invece non ci sono novità a proposito dell’allungamento della pista . Anche per evitare il riaprirsi delle polemiche che hanno caratterizzato la stagione post referendaria, tutte le nuove attività dello scalo si svolgeranno contando sulla pista di sempre.

















Cronaca

le foto

Francesco, l'abbraccio dopo una notte trascorsa da solo nel bosco a nove anni

Francesco, visibilmente spaventato per la notte trascorsa in mezzo al bosco, è stato avvicinato con molta cautela dai tre soccorritori dell'elicottero Drago 149 dei Vigili del fuoco di Venezia. "Andiamo a fare un giro in elicottero?" gli ha chiesto uno dei tre. Il bambino ha accettato subito, vincendo le paure. E' stato imbragato e insieme ad un vigile del fuoco che lo ha abbracciato con il verricello è stato portato in volo sino al campo base, dove lo aspettavano i genitori. (foto vigili del fuoco)

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino