Bonus spesa e ciclabile: mezzo milione dal tesoretto 

Variazione al bilancio. Giovedì in consiglio comunale si dovrà coprire anche l’aumento delle indennità di carica della Giunta per il passaggio a tempo pieno degli assessori

di MATTEO CASSOL

Riva. Giovedì in Consiglio comunale a Riva arriverà una variazione al bilancio con la quale verranno messi sul piatto 462.100 euro di avanzo di amministrazione (attingendo dal “tesoretto” disponibile di circa 14 milioni ereditato dalla precedente consiliatura): 176.000 euro (aggiunti ai 180.000 euro legati a iniziative di mitigazione degli effetti della pandemia già stanziati sotto la Giunta Mosaner) per finanziare i 356 mila euro necessari a concedere il preannunciato bonus spesa di 20 euro a cittadino (dunque per spese correnti relative all’emergenza sanitaria) e 286.100 euro per il finanziamento di investimenti. Ci sono poi altre partite di giro con le quali tra le altre cose si andrà a coprire l’aumento delle indennità di carica dei componenti della Giunta (+55.000 euro all’anno per il passaggio a tempo pieno degli assessori, con +7.000 euro per questo ultimo scampolo di 2020) e degli oneri previdenziali degli amministratori in aspettativa (+7.000 all’anno).

Contestualmente, viene anche integrato il programma generale delle opere pubbliche contenuto all’interno del Dup (documento unico di programmazione) 2020-2022, con l’inserimento di alcuni nuovi interventi (su tutti, la rotonda sulla sp 118 tra via Zandonai, via Maso Belli e via S. Alessandro, per la quale viene previsto – ma per il momento non finanziato, trattandosi di opera posta nella cosiddetta “area di inseribilità” – un importo di 530.000 euro) e l’adeguamento di altri (il più evidente dei quali è la nuova ciclabile di viale Trento nord che transiterà in parte sul sedime della casa cantoniera all’angolo con viale Trieste, per la quale vengono aggiunti 195.000 euro, portando il totale a 495.000). Dall’area di inseribilità, essendo stato finanziato con 70.000 euro (l’importo inizialmente previsto era di 200.000), esce il nuovo collegamento tra cucina e sala mensa della scuola materna del Rione 2 Giugno. Vengono poi aggiunti 15.000 euro per la manutenzione straordinaria degli asili nido.

Tra i tagli alle spese correnti si segnalano i -32.000 previsti inizialmente per Rivetta, i -44.000 euro per servizi aggiuntivi relativi alla viabilità ad Apm, -9.000 per la manutenzione dei varchi elettronici e -11.300 di spese per il personale. Sono stati depennati anche 53.500 euro per il 2021 e altrettanti per il 2022 (4.000 per la fine del 2020) quali minori spese derivanti dal rinvio dell’assunzione del segretario generale: se ne deduce dunque che, per il dopo-Lorenza Moresco (passata al Comune di Trento), l’amministrazione intende continuare sotto la guida del vicesegretario-segretario reggente Anna Cattoi.