profughi

Giornata del rifugiato, in Trentino raccolti 40 mila euro per i migranti in Bosnia

La campagna “Cambiamo rotta” promossa da Diocesi, Ipsia, Acli e Cnca: i soldi per il campo profughi di Lipa



TRENTO. Si celebra oggi 20 giugno la Giornata Mondiale del Rifugiato. Un’occasione per riaccendere i riflettori sul dramma dei migranti sulla rotta balcanica e sulla campagna “Cambiamo rotta!”, promossa a maggio 2021 dalla Diocesi di Trento con  Ipsia Trentino, Acli, Cnca Trentino, Movimento dei focolari, Forum Trentino per la pace e i diritti umani e Osservatorio Balcani Caucaso.

La campagna, mirata a sensibilizzare la comunità trentina e a sostenere le attività a favore di quanti restano bloccati in Bosnia, ha consentito di raccogliere in un anno quasi 40 mila euro. Fondi destinati a sostenere le attività portate avanti, tra gli altri, da IPSIA – ACLI in particolare nel campo profughi di Lipa, vicino alla città di Bihac, nel distretto bosniaco di Una Sana.

A seguito di una recente visita da parte di una delegazione trentina (composta da Fabio Pipinato di IPSIA Trentino e Tatiana Brusco e Roberto Calzà per la diocesi di Trento), gli enti promotori della campagna hanno fatto il punto della situazione. I 22 mila euro già versati hanno contribuito a sostenere principalmente due attività, fondamentali per il campo profughi di Lipa: il servizio lavanderia e le cucine collettive. La prima risponde ad una necessità igienico sanitaria mentre la seconda ad una più relazionale e identitaria: poter cucinare in base alle proprie tradizioni, invece che ricevere quotidianamente un pasto dalla Croce Rossa locale, permette infatti di avere maggiore autonomia di lavorare insieme ad altri. Lavanderia e cucine collettive costano tra i 3 e i 5 mila euro al mese.

Giornata Mondiale del Rifugiato: in Trentino raccolti 40mila euro per un campo in Bosnia

Si celebra oggi, 20 giugno, la Giornata Mondiale del Rifugiato. Un’occasione per riaccendere i riflettori sul dramma dei migranti sulla rotta balcanica e sulla campagna “Cambiamo rotta!” promossa un anno fa da Diocesi di Trento, IPSIA Trentino, ACLI, CNCA Trentino, Movimento dei focolari, Forum Trentino per la pace e i diritti umani e Osservatorio Balcani Caucaso. Finora sono stati raccolti 40 mila euro per sostenere lavanderia e cucine collettive nel campo profughi di Lipa in Bosnia, visitato nei giorni scorsi da una delegazione trentina. Alla frontiera croata proseguono i respingimenti. Ce ne parla Roberto Calzà, referente diocesano pastorale Migrantes.

Un prossimo stanziamento di circa 18 mila euro raccolti in Trentino attraverso “Cambiamo rotta!” dovrebbe garantire il loro proseguimento almeno fino ad agosto.

La visita del mese scorso ha permesso di toccare con mano alcune situazioni particolarmente difficili in cui si trovano oggi circa duemila profughi che, nonostante le fatiche e i rischi a cui vanno incontro, non rinunciano a provare il cosiddetto “the game”, il cammino verso l’Europa, che è ormai abitudine tentare almeno una ventina di volte. Questo perché, appena passato il confine con la Croazia, è facile essere fermati e rispediti indietro, in dispregio al diritto internazionale e al diritto d’asilo. Per lo più si tratta di giovani maschi (anche se non manca qualche nucleo famigliare) provenienti in maggioranza da Afganistan e Pakistan, oltre a qualche gruppo di africani, cubani e altre nazionalità. La stagione estiva farà aumentare i passaggi, con una grande mobilità sia nel campo di Lipa che nei rifugi di fortuna (i jungle camp) sparsi nei boschi.

In occasione dell’odierna Giornata Mondiale del Rifugiato i promotori della campagna – nonostante in questi mesi sia esploso il dramma della guerra in Ucraina – invitano a non dimenticare queste persone che pure fuggono da conflitti e situazioni di estrema difficoltà, cercando un’altra vita in un continente restìo ad accogliere, preferendo bloccarli alle frontiere dell’UE e ignorandone il destino.

















Cronaca

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino