la tragedia

Tamponamento mortale in A22: la vittima è un’infermiera di 31 anni

Bassma Fatih lavorava nel reparto di rianimazione del Santa Chiara. "Piena di vita, con un'allegria e una positività incredibile", così la ricorda Daniel Pedrotti 



TRENTO. La vittima del tragico tamponamento avvenuto la scorsa notte fra Rovereto e Trento, in A22, è Bassma Fatih, infermiera dell'Azienda Sanitaria di Trento in forza al reparto di rianimazione del Santa Chiara.

La donna avrebbe tamponato un camion fermo a  causa della colonna che si era formata per un altro incidente avvenuto poco prima. Il primo incidente aveva causato tre feriti - trasferiti al Santa Chiara - e colonne e rallentamenti.

Inutile la corsa dei soccorritori che hanno cercato di salvare la vita alla 31enne: i traumi riportati nello scontro si sono rilevati fatali. (foto da Facebook)

L'Ordine degli infermieri del Trentino esprime cordoglio per la scomparsa di Bassma Fatih. "Tutti noi siamo senza parole. Siamo distrutti da questa perdita: ci lascia una collega che metteva un entusiasmo e una professionalità rara, se non unica, nell'essere infermiera e in tutto quello che faceva.

Piena di vita, con un'allegria e una positività incredibile, Bassma ha affrontato tutte le sfide di questo periodo di pandemia sempre al fianco dei pazienti e continuando ad investire sulla sua formazione universitaria per dare sempre il massimo nell'assistenza.

Bassma è stata veramente un esempio, sia dal punto di vista professionale che umano", afferma - in una nota - il presidente, Daniel Pedrotti.

















Cronaca

l'operazione

L'auto caduta nel burrone e il complicato recupero dei vigili del fuoco

Nelle foto dei Vigili del fuoco di Auna di Sotto l'intervento con l'ausilio di un autogru per recuperare la macchina che in un incidente lo scorso 28 maggio era uscita di strada a Laste Basse, all'altezza dell'11° tornante, scivolando a valle per circa 100 metri e ribaltandosi più volte.







Dillo al Trentino