Cade dalla seggiovia, grave una bambina 

Folgaria, la giovanissima sciatrice ha aperto la sbarra troppo presto: è precipitata per circa tre metri



FOLGARIA. Deve aver aperto la sbarra di sicurezza troppo presto, a pochi istanti dal punto di arrivo della seggiovia Cengio Rosso, a Fondo Piccolo di Folgaria, e forse si è sporta con anticipo perdendo l’equilibrio.

La piccola sciatrice, una bambina veneta di otto anni che si trovava sulle piste dell’altopiano assieme ad amici di famiglia, è precipitata nel vuoto da un’altezza di circa tre metri. È accaduto attorno alle 14 di ieri. I primi ad intervenire sono stati i poliziotti del servizio di soccorso pista, che vedendo le condizioni della bambina hanno ritenuto necessario allertare l’elisoccorso. Il velivolo di Trentino emergenza è partito subito dall’eliporto di Mattarello e in pochi minuti ha raggiunto la pista Cengio Rosso, atterrando più vicino possibile allo sbarco della seggiovia cengio Rosso.

La piccola era cosciente ma molto dolorante e spaventata, e le ferite parlano da sole. La bambina, trasportata poi in pronto soccorso all’ospedale trentino di Santa Chiara, ha riportato la frattura dell’avambraccio destro e un serio trauma cranico-facciale. Raccolta dai sanitari, è stata accompagnata con la lettiga a slitta all’elicottero, dove è stata imbarcata e portata all’ospedale. Qui, sottoposta ai rilievi diagnostici di rito, ui medici le hanno riscontrato anche una lieve emorragia cerebrale. Che però non pare preoccupare i sanitari: la bambina non è in pericolo di vita, ma le lesioni le costeranno un discreto periodo di riposo, quando verrà dimessa dall’ospedale trentino.

I poliziotti del soccorso piste hanno eseguito i rilievi del caso e stanno svolgendo degli approfondimenti per accertare eventuali responsabilità di terze persone nell’infortunio

















Montagna







Dillo al Trentino