Fioriscono le alghe, il lago si colora di verde

Baselga di Piné. Siamo a settembre e ritorna puntuale la fioritura delle alghe nel lago della Serraia a Baselga di Piné. Il termine fioritura e la visione della superficie, che sembra una vellutata...


Giannamaria Sanna


Baselga di Piné. Siamo a settembre e ritorna puntuale la fioritura delle alghe nel lago della Serraia a Baselga di Piné. Il termine fioritura e la visione della superficie, che sembra una vellutata di piselli, non deve far pensare a un qualche cosa di piacevole e di profumato. Il fenomeno, che come aveva anticipato lo scorso anno la direttrice di Appa, è dovuto al Dolichospermum, conseguenza di elevate concentrazioni di nutrienti che caratterizzano il lago, non è piacevole né per la vista, né per l’olfatto.

Il nuovo presidente dell’Apt, Alessandro Cadrobbi si è reso conto da tempo che, per il turismo dell’altopiano, il primo importante problema da risolvere è il risanamento del lago della Serraia, e desidera mettere a confronto, già in ottobre, in una tavola rotonda, i tecnici e gli eletti della nuova amministrazione comunale, della Dolomiti Energia, agricoltori, operatori turistici, economici per incominciare a «mettere in atto delle soluzioni in grado di risolvere quello che considera il problema».

«Sto raccogliendo il materiale prodotto in trent’anni di convegni e riflessioni, da quando il lago ha manifestato il proprio malessere - afferma Cadrobbi -, ma, salvo un ossigenatore che non ha migliorato molto la situazione, non è stato fatto niente in tutti questi anni per salvare “il tesoro” del nostro territorio. Sembra, anzi, che molti non riescano a capire che, se non recuperiamo al lago il suo benessere, l’interesse turistico di Piné, viene a scemare in modo pericoloso con tutte le conseguenze economiche che ne derivano. So molto bene che è un impegno che si protrarrà per molto tempo, ma dobbiamo iniziare subito a lavorare e il mio compito è quello di stimolare chi deve fare».

Anche il consigliere Pietro De Godenz che, è stato sensibilizzato nei giorni scorsi da operatori della zona, ha voluto presentare una interrogazione alla Giunta Provinciale dedicata «alla situazione del Lago della Serraia, da anni interessato da fenomeni di fioritura algale molto persistenti, richiedendo soluzioni efficaci e che portino a un effettivo miglioramento dello stato di salute del lago e alla sua possibile frequentazione in serenità da parte di residenti e turisti».

L’Apt Piné Cembra, dopo un periodo di cambiamenti (presidente e direttrice), e in attesa di entrare a far parte tra circa un anno dell’Apt Fiemme e Fassa, sta approntando delle modifiche molto importanti sia nella commercializzazione del prodotto territorio, sia nella promozione delle attività degli operatori economici. Fra le novità l’assunzione di una direttrice commerciale, la dottoressa Laura Olivieri, che avrà il compito di valorizzare anche il lago della Serraia.

















Cronaca







Dillo al Trentino