lavoro

Amambiente: annunciato lo sciopero di 24 ore per il 30 maggio

Ci saranno due presidi, uno davanti alla sede della società e uno davanti al Comune di Pergine, organizzati da Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil del Trentino



PERGINE. Annunciato per lunedì 30 maggio uno sciopero per l’intera giornata con un presidio dalle 8 alle 10 davanti la sede di Amambiente di Viale Venezia, mentre dalle 10 alle 12 il presidio sarà davanti la sede del Municipio di Pergine in Piazza Municipio. Aperto anche lo sciopero delle prestazioni straordinarie dal 30 maggio al 28 giugno 2022.

L’annuncio arriva da Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil del Trentino e riguarda i lavoratori di Amambiente la società che si occupa di gestione del ciclo idrico, dell'igiene ambientale, dell'illuminazione pubblica, delle energie rinnovabili e delle onoranze funebri per diversi comuni della Valsugana e non sono.

Nell’incontro – spiegano i sindacati – il sindaco di Pergine ha mostrato una totale chiusura alle nostre argomentazioni, ha anzi dato fiducia piena alla dirigenza senza minimamente mettere in discussione l’operato rigido, manchevole di ascolto dei propri lavoratori, di mero risparmio attuato sino ad adesso.

L’azienda ed il Sindaco Oss Emer paiono dunque allineati nel voler assumere lavoratori che potrebbero percepire un netto inferiore ai mille euro a cui affidare i servizi dei cittadini.

Negli ultimi periodi si sono verificati svariati rifiuti, anche recentissimi, da parte dei lavoratori che partecipando ai bandi di concorso indetti da Amambiente, una volta conosciute le condizioni, rinunciano.

Che fine farà la professionalità degli attuali lavoratori? Il posto di lavoro di Amambiente, per chi detiene una certa professionalità, alle nuove condizioni applicate rischierà di divenire un posto di lavoro di passaggio per lavoratori che dovranno far quadrare i conti alla fine del mese.  L’ultima ulteriore minaccia che abbiamo appreso dai giornali è che sono a rischio le nuove assunzioni".

Da qui la decisione di proclamare una giornata di sciopero.

















Cronaca







Dillo al Trentino