lavis - i dubbi di claudio cia sui lavori appena terminati 

Interramento ferrovia: «Calcestruzzo non certificato?»

LAVIS. Tutto regolare nei lavori sulla linea ferroviaria Trento - Malé tra Lavis e Zambana? Molto probabilmente sì, tuttavia il consigliere provinciale di Agire per il Trentino, Claudio Cia, vuole...

LAVIS. Tutto regolare nei lavori sulla linea ferroviaria Trento - Malé tra Lavis e Zambana? Molto probabilmente sì, tuttavia il consigliere provinciale di Agire per il Trentino, Claudio Cia, vuole averne la certezza. Per questo venerdì scorso ha presentato una interrogazione in cui chiede all’assessore competente di chiarirgli alcuni aspetti. I lavori per l’interramento e il raddoppio della linea ferroviaria dal km 7,492 al 8,196 e per la costruzione della nuova stazione di Lavis “sono stati affidati alla Carron Cav. Angelo spa - scrive Cia - e la ditta incaricata dalla stessa della fornitura di calcestruzzo preconfezionato era la Calcestruzzi Atesini spa, poi acquisita dal Gruppo Vibetonbrenta srl. Da quanto si apprende, la Vibetonbrenta ha proseguito la fornitura iniziata da Calcestruzzi Atesini pur non essendo in possesso dei Certificati FPC – obbligatori per la fornitura di calcestruzzo in opere pubbliche - per il periodo gennaio/aprile 2017”. Cia chiede se questo corrisponda al vero; “se Davide Leonardi – vicepresidente di Trentino Trasporti e vicepresidente di BetonRovereto srl, socia a sua volta di Calcestruzzi Atesini – fosse a conoscenza di tale situazione e, in caso affermativo, quali siano le sue responsabilità; se il direttore dei lavori e collaudatore fossero a conoscenza di tale situazione e, in caso affermativo, perché abbiano continuato ad accettare conglomerato non conforme.