Alta quota

Siccità e caldo: le guide alpine sospendono le salite sul Cervino e sul Monte Bianco

Rudi Janin, presidente delle guide di alta montagna: «Con questi rialzo termico c’è il rischio di crolli di pietre e il problema dei ponti di neve indeboliti che coprono i crepacci»



AOSTA. Siccità e il caldo anomalo in alta quota, dopo la tragedia della Marmolada e la chiusura dei primi rifugi alpini arriva adesso un’altra decisione per molti versi storica.

A causa delle condizioni in alta quota legate alla siccità, la società guide alpine del Cervino ha sospeso in via preventiva la vendita della salita lungo la via normale alla vetta e la società guide alpine di Courmayeur ha fatto lo stesso sul Monte Bianco per il Dente del Gigante e la cresta di Rochefort.

«Con questo rialzo termico - spiega Rudi Janin, presidente della commissione tecnica dell'Unione valdostana guide di alta montagna - abbiamo due problemi principali.

Il primo problema è quello dei possibili crolli di pietre, anche di grosse dimensioni, difficili da prevedere.

Il secondo problema, sui ghiacciai, sono i ponti di neve, indeboliti dal calore, che coprono i crepacci», conclude Janin.

















Cronaca

le foto

I cani del Soccorso alpino veneto nel fango di Casamicciola

Hanno cercato nel fango e tra le macerie tracce di vita insieme ai soccorritori dopo la frana che si è abbattuta su Ischia. Domenica era arrivata la richiesta di poter avere sull'isola 3 unità cinofile del Soccorso alpino Veneto. Loris e Kira sono stati accompagnati assieme a Carlo Apollo e Flò, Ucrc della Calabria, all’aeroporto Marco Polo di Mestre, per essere imbarcati e trasportati a Pratica di Mare e da lì in volo notturno a Ischia, destinazione Casamicciola. LE FOTO (Cnsas)







Dillo al Trentino