Mahlknecht: «Un impianto che arrivi ai piedi del ghiacciaio»

Trento. Per consentire a tante persone, compresi bambini e anziani, d’ammirare uno dei più importanti ghiacciai delle Dolomiti e tutta la bellezza della Marmolada è indispensabile un impianto che...



Trento. Per consentire a tante persone, compresi bambini e anziani, d’ammirare uno dei più importanti ghiacciai delle Dolomiti e tutta la bellezza della Marmolada è indispensabile un impianto che sostituisca la (dismessa) cestovia del Fedaia. Ne è convinto il gardenese Alex Mahlknecht, titolare con la famiglia della società Funivia Fedaia Marmolada, che nel 2019 ha depositato un progetto in Provincia. «Bisogna dare a tutti la possibilità di arrivare ai piedi del ghiacciaio, con una salita dal lago Fedaia che, dal punto di vista paesaggistico, è eccezionale. Questo versante della montagna e l’arrivo a 2700 metri sono più accessibili rispetto alle funivie venete che portano a 3300, quota proibitiva per diverse persone». Questo il pensiero di Mahlknecht che ricorda anche la storia dell’impianto: «Dagli anni Quaranta del secolo scorso, i turisti salgono con una seggiovia, prima, e con una cestovia, poi, dal Fedaia fin quasi all’inizio del ghiacciaio. Perché negare, oggi, questa opportunità?». Non solo. Il bacino di neve, sul lato Nord della Regina delle Dolomiti, secondo Mahlknecht si rivelerebbe una risorsa specie a primavera e in autunno. «L’estate è la stagione migliore per salire sulla Marmolada. D’inverno l’attività dell’impianto è legata all’apertura della strada almeno dal versante trentino, in caso di eventuali soccorsi. Storicamente, da dicembre a metà febbraio l’accesso è spesso chiuso per pericolo valanghe, dopodiché fino ai primi di maggio e anche in tardo autunno la Marmolada diventa il regno del freeride. Il nuovo impianto, aperto in questi periodi oltre che d’estate, sarebbe a servizio di questa interessante nicchia di turisti. È stato progettato appositamente con una portata di poco superiore alla cestovia e con solo nove piloni per avere il minore impatto in un sito Unesco». E.S

©RIPRODUZIONE RISERVATA













Scuola & Ricerca

In primo piano

il plantigrado

Sarebbe “trentino” l’orso che va all’attacco delle arnie feltrine

Tempo fa avrebbe già colpito gli alveari. La polizia provinciale di Belluno allerta gli apicoltori

LA PROTESTA. Orsa di Dro, dagli Animalisti italiani ricorso al Tar contro l'ordinanza di Fugatti

IL RITROVAMENTO Covelo, trovati morti un’orsa con un cucciolo: «Quasi certo l’attacco di un orso maschio»
DRO Turista francese attaccato da un orso

LA DECISIONE Bloccato l'abbattimento dell'orsa KJ1 dal TAR

immagini

Valentina Valenti di Lana è Miss Sarnonico. Una reginetta che parla quattro lingue

Dopo un pomeriggio uggioso e ricco di prove, la serata di ieri, domenica 21 luglio, a Sarnonico si è svolta sotto un cielo stellato ed ha visto sfilare venti ragazze che hanno deciso di mettersi alla prova e provare una nuova esperienza, per riuscire a portare a casa la corona ed il diritto di accedere alle Finali regionali. La sfilata è cominciata alle 21, grazie alla collaborazione del Comune di Sarnonico, con il vicesindaco Carlo Zambonin in prima linea, della Pro Loco e di numerosi sponsor locali che hanno allestito palco e passerella agli impianti sportivi della rinomata località nonesa. La serata si è aperta con una vivace sigla curata dalla coreografa Cristiana Bertelli, in cui le miss si sono fatte conoscere dalla giuria ballando, per poi sfilare con il loro abito da sera e con il nuovo outfit sportivo Givova, partner del Concorso, per la parte dedicata alla votazione. L’ evento ha accolto anche un momento di gioco con i più piccoli che si sono sfidati in una improvvisata passerella e che hanno strappato sorrisi ed applausi al pubblico grazie alla loro simpatia e spontaneità. Durante la serata le ragazze sono state curate nel look dalla professionalità dello staff del Salone Michela Style di Largaiolli Michela Dimaro. Salone Hair Studios di Paola Foldi Bolzano per il marchio Framesi, nuovo marchio entrato nella famiglia di Miss Italia. La serata ha visto sette vincitrici elette dalla giuria, di cui due a parimerito; tutte accedono alle finali regionali. La giuria, presieduta dalla sindaca Emanuela Abram, ha decretato come vincitrice Valentina Valenti, una diciottenne italo cubana, studentessa al liceo linguistico, che parla quattro lingue, residente a Lana, che si è aggiudicata il titolo di “Miss Sarnonico” ed una passerella con la preziosa corona Miluna. Valentina è una ragazza sorridente, che ha praticato danza classica e moderna per diversi anni e vorrebbe coronare il suo sogno di studiare moda. La medaglia d’argento, con la fascia di Miss Rocchetta, è stata conquistata dalla raggiante Sharon Borgia, ventitré anni, residente a Bolzano. Sharon ama giocare a pallavolo ed il suo motto è quello di “vivere la vita a mille”. Il terzo posto, con la fascia di Miss Framesi, porta il nome di Anna Laura Tataru, una studentessa di diciannove anni, amante della palestra e residente a Trento. Il suo sogno è quello di diventare poliziotta. Quarta classificata è Alessandra Bolzon; Alessandra è una diciannovenne di Trento che pratica atletica leggera, studentessa in biotecnologie, che ambisce a fare carriera nel mondo della moda. Al quinto posto è stata eletta la bionda Krystal Montibeller, diciannove anni, residente a Levico Terme. Krystal è una studentessa di odontoiatria molto ambiziosa e con la passione per l’uncinetto, con il sogno di diventare un’attrice. Seste classificate a parimerito per le finali regionali sono state con la fascia di Miss Radio Nbc, Irene Pezcoller, studentessa di lingue di diciott’anni, residente a Calliano e con il sogno di diventare una cantante, assieme ad Algena Cenga, diciottene di Merano, studentessa di giurisprudenza che ambisce a diventare avvocato. Molto apprezzato il discorso della sindaca Emanuela Abram, che ha analizzato il Concorso e le partecipanti del giorno d’oggi, plaudendo il coraggio, la forza e la naturalezza con cui le ragazze si avvicinano a questa esperienza. Le finali regionali si terranno a partire dal 7 agosto ad Andalo. A seguire il 9 agosto Fiera di Primiero, 13 agosto San Leonardo in Passiria, il 16 agosto a Folgaria ed a Bressanone, in piazza Duomo, domenica 18 agosto. Presente in giuria anche la madrina Alexia Quaglia, 19 anni di Bolzano, ballerina professionista che la giuria aveva eletto Miss Sarnonico l’estate del 2023. Alexia dopo il successo di Sarnonico ha proseguito arrivando alle prefinali nazionali con il titolo di Miss Sudtirol. Molto ambiziosa e preparata, studia per entrare nei corpi di ballo più importanti d’Italia. Il tour 2024 in Trentino Alto Adige prevede i i seguenti appuntamenti delle selezioni provinciali: prossimo appuntamento domani, martedì 23 luglio al Bar alla Spiaggia Campolongo, sabato 27 luglio a Pinzolo, martedì 30 luglio a Canazei, mercoledì 31 luglio ad Arco e domenica 4 agosto a Spormaggiore. La finalissima Regionale del Concorso Nazionale Miss Italia per eleggere Miss Trentino Alto Adige sarà ospitata nuovamente nella suggestiva ed elegante piazza Duomo di Bressanone domenica 18 agosto. In questa, che sarà la serata più importante ed attesa, voluta dalla Associazione Turistica e dal Comune di Bressanone, dedicata alla moda ed allo spettacolo, verrà eletta la ragazza più bella della nostra regione (di Claudio Libera)