dal 25 giugno

Rovereto regina dell’atletica: in 3 giorni 42 titoli in palio e 1200 atleti-gara

Al Quercia gli Italiani Assoluti, ultima sfida prima delle Olimpiadi. Fra i nomi forti Jacobs e Iapichino (nella foto Colombo/Fidal)

ROVERETO. Quarantadue titoli in palio, tre giornate di sfide, oltre milleduecento atleti-gara in rappresentanza di oltre duecento società: è l’edizione 111 dei Campionati Italiani Assoluti, in programma nel weekend allo Stadio Quercia di Rovereto.

Sono stati pubblicati gli iscritti della massima rassegna tricolore (25-27 giugno), tappa cruciale verso le Olimpiadi di Tokyo per chi ha già ottenuto lo standard di qualificazione, ultima chiamata per chi non l’ha ancora incassato o ambisce a migliorare la posizione nel ranking mondiale che chiuderà i battenti martedì 29 giugno.

Tra i partecipanti, spicca la presenza del primatista italiano dei 100 metri Marcell Jacobs (Fiamme Oro), 9.95 a Savona, campione europeo indoor in marzo a Torun con il record italiano dei 60 di 6.47. Tra gli sprinter sono attesi anche Fausto Desalu (Fiamme Gialle) nei 200, Davide Re (Fiamme Gialle) e Edoardo Scotti (Carabinieri) nei 400, le staffettiste della 4x100 vincitrici alle World Relays Anna Bongiorni (Carabinieri), Gloria Hooper (Carabinieri), Irene Siragusa (Esercito) e Vittoria Fontana (Carabinieri) con l’emergente Dalia Kaddari (Fiamme Oro), la quattrocentista Alice Mangione (Esercito).

Dal fronte ostacoli, non mancherà la medaglia di bronzo degli Euroindoor Paolo Dal Molin (Fiamme Oro) e al femminile nei 100hs Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro) ed Elisa Di Lazzaro (Carabinieri), 400 ostacoli per Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle) doppio vincitore agli Europei a squadre in maglia azzurra e Ayomide Folorunso (Fiamme Oro).

Nel mezzofondo, dopo il 14:58.73 nei 5000, sarà impegnata nei 1500 Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) ed è iscritta la rivelazione Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre), 3000 siepi per Martina Merlo (Aeronautica).

Tanta qualità nei salti: dalla lunghista Larissa Iapichino (Fiamme Gialle) primatista del mondo U20 indoor (6,91), alla primatista italiana dell’asta Roberta Bruni (Carabinieri) salita a 4,70, dai triplisti Emmanuel Ihemeje (Atl. Estrada) e Simone Forte (Fiamme Gialle) al lunghista Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) fino a Dariya Derkach (Aeronautica) appena atterrata a 14,31 nel triplo e le saltatrici in alto Elena Vallortigara (Carabinieri) e Alessia Trost (Fiamme Gialle).

Nei lanci, attenzione soprattutto ai pesisti Leonardo Fabbri (Aeronautica) e Zane Weir (Enterprise Sport&Service) e alla martellista Sara Fantini (Carabinieri), 72,31 sabato scorso a Madrid.

Nella marcia, in azione Francesco Fortunato (Fiamme Gialle) nei 10 km in centro a Rovereto.