Studenti a scuola di artigianato 

“Il futuro è nelle mie mani”. Giornata speciale per gli alunni delle seconde e terze medie dell’Istituto Comprensivo  di Vigolo Vattaro che hanno preso parte a una serie di laboratori lavorativi in compagnia di aziende e professionisti

di Gino Micheli

Vigolo vattaro. La stupenda giornata di sole ha favorito, sabato scorso, il laboratorio scolastico-artigianale: “Il futuro nelle mie mani”. Questa seconda edizione ha visto ogni gruppo di ragazzi (di seconda e terza media) dell’Istituto Comprensivo Vigolo Vattaro, suddiviso nei cinque laboratori con ogni alunno che ha avuto la possibilità di sperimentarne due.

Scelte diverse

Il primo gruppo ha scelto “L'ospitalità e ristorazione” e ha trovato in cucina, già operativi, Paolo Moschen insegnante-cuoco all'Istituto Alberghiero di Levico Terme, con Sara, Viviana e Gabriel, l’esperta cuoca Carmela, Katia e altre preziose signore che hanno aiutano poi a ripristinare la cucina. I due gruppi, nell'arco della mattinata, hanno preparato il pranzo per tutti i partecipanti, apparecchiando i tavoli e servendo strangolapreti e dolce.

Il richiamo dei nuovi lavori

Gli altri studenti si sono distribuiti sugli altri laboratori: “Nuove professioni” con Manuel Sosi, Erica Demattè, Bepi Tamanini, Fabrizio Di Rosa e Andrea Bortolameotti; “Cura della persona, con il Salone di Elisabetta Piazzera (40 anni di esperienza) e le collaboratrici Monica, Barbara, Anna, affiancate dalle ragazze che frequentano il centro professionale Armida Barelli di Levico Terme con le loro insegnanti Rosy, Chiara, Serena, Federica e Vania oltre alla referente per l'orientamento Francesca.

Due i centri estetici presenti alla giornata: L’ Eufrasia di Sonia Conti e la Clorofilla di Martina e Michela Tamanini, affiancate anche loro dalle ragazze e Ifp Pertini di Trento con le insegnanti Norma, Lucia e Ivonne.

Per le “Attività produttive”: Tamanini Alessandro, Tamanini Christian, Edildue di Martinelli Matteo, Giacomelli Ivano e Marco, Bailoni Cristian, Casagranda Carlo e Daniel, la Mav, Furlani Fabio e Nicolas, Studio tecnico Giacomelli Giulia, Sassudelli Falegnameria per la parte hobby-creativa Bonapace Luis, Sassudelli Maurizio e Michele.

Per “Ambiente e trasformazione”, infine, presenti Silvano Bailoni, Ortofrutta Mela Ferdinando, Piazzera Stefano Orchidee, Zampa amica therapy di Katia Bertoldi, Zamboni Stefano e i custodi forestali Nicola Benedetti e Marco Pacher.

Tutor le studentesse Upt

I ragazzi sono stati impegnati fino alle 13, coordinati in primis dalla referente del progetto la professoressa Silvia Mondini con la collaborazione delle colleghe insegnanti ma anche da alcune studentesse dell'Upt, Università popolare trentina, (Scuola delle professioni per il terziario) di Trento, dirigente Paolo Zanlucchi che hanno accolto i vari gruppi.

Durante il pranzo e la pausa, spazio ai giochi illustrati da Roberta Folgheraiter che vende nel suo negozio don Chisciotte. Giovanni Bianchini e Carlo Atz hanno colto i momenti significativi con le loro macchine fotografiche.

Nel pomeriggio c’è stato quindi spazio per l’attrazione della sfilata scandita dalla presentatrice Nadia Martinelli è stata preceduta dagli interventi del dirigente scolastico Luigi Dappiano, dal referente di zona per gli artigiani Alessandro Tamanini, da Claudia Gasperetti del Cif Comitato Imprenditoria femminile della Camerca di commercio industria artigianto, Marco Segatta presidente Associazione Artigiani Trento, dal presidente del Consiglio Provinciale Walter Kaswalder e dalla presidente della Pro Loco Linda Tamanini.

Finale sul palco

L’abilità della conduttrice e la musica gestita da Silvio hanno reso davvero suggestiva la sfilata sul palco di alcuni ragazzi in rappresentanza dei cinque laboratori.

Di seguito, Paola, Oriana, Eleonora, Martina e Federica hanno proposto i gioielli creati da Romina Faggian, orafa, con gli occhiali abbinati da Gianna e Giuliana dell'Ottica Romani.

La signora Paola del negozio Benetton del Centro Commerciale di Pergine ha presentato con l'aiuto degli scolari vigolani, un assaggio della collezione autunno- inverno. Altro siparietto: Oleana e Michele Bianchini hanno selezionato le scarpe e le borse del momento tra classici rivisitati e modelli inediti per scoprire i pezzi forti.

Hanno concluso la giornata, Ornella, Arianna, Desirée, Barbara e Floriano che hanno proposto i capi realizzati da Elena, la sarta di “Stile ed Essenza” sartoria sociale di Mori, laboratorio che intende poi inserire le persone in vari ambiti lavorativi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.