Il Tre Castagni si trasforma nel parco delle zucche 

Eventi d’autunno. Tutto pronto per la tradizionale festa in programma il secondo weekend di ottobre. Saranno presenti anche stand di miele e castagne. Novità il concerto dei Rebel Rootz

di ROBERTO GEROLA
Pergine. La novità per l’edizione 2019 della Festa della Zucca è rappresentata dal grande concerto della band “Rebel Rootz”, il complesso di ispirazione reggae nato a Trento nel febbraio 2010. Protagonisti sono: Massimo Fontanari (voce e chitarra), Carlo Villotti (chitarra e cori), Francesco Dallago (basso), Pietro Toniolli (tastiere), Michele Tasin (tastiere e cori), Loris Dallago(batteria). Si esibiranno nella serata centrale della manifestazione in programma al parco dei Tre Castagni: sabato 12. Per l’occasione l’apertura delle casette si protrarrà nella serata e fino a tardi.

Il programma

La Festa della Zucca organizzata dalla Pro loco in collaborazione con i produttori di zucche, miele (e castagne) si svolgerà su tre giornate: venerdì 11, sabato 12 e domenica 13. Ancora una volta, il Parco dei Tre Castagni si trasformerà in una grande festa popolare all’insegna del divertimento soprattutto per le famiglie. Come sempre le bancarelle sarà all’insegna della fantasia dei produttori: l’allestimento rappresenta sempre in questi casi, motivo di orgoglio da parte dei singoli espositori e come sempre, sarà particolarmente interessante soffermarsi tra le bancarelle e le casette per ammirare i prodotti della natura che spesso rappresentano “pezzi” assai originali.

Anche i produttori di miele avranno le loro bancarelle e potranno esporre le differenti qualità che variano appunto secondo la collocazione delle arnie. Qualche danno si è purtroppo verificato nell’autunno scorso causa il nubifragio che ha distrutto qualche arnia. Tuttavia il fenomeno sembra sia limitato. E c’è attesa tra i consumatori perché il miele nostrano è particolarmente apprezzato. La Festa è sempre stata occasione per qualche fare scorta di miele per l’inverno. Saranno riproposti naturalmente anche gli spazi didattici a dimostrazione del lavoro degli apicoltori con Apival in testa.

Non mancheranno i momenti di svago e intrattenimento specialmente musicale con le band locali che allieteranno i visitatori percorrendo le stradine del parco sia verso il prato e il Maso Tre Castagni, sia verso la casa in legno sul lato opposto. L’allestimento è in fase di completamento e lo sguardo è rivolto al meteo.