Bus urbani, 1.037 utenti ma il 73% sono studenti 

Le linee più frequentate, con l’85% dei passeggeri, sono quelle che collegano  all’Oltrefersina e Nogaré, a Castagné e alle frazioni di Costasavina e Roncogno

di Roberto Gerola

PERGINE. Resi noti in questi giorni i dati relativi agli utenti trasportati dal servizio urbano e frazioni di Pergine. Il totale ammonta a 1.037 persone con gli studenti a rappresentare il 73% e quindi 759 studenti e 278 gli occasionali.

Dieci anni fa l’avvio del servizio. Nell’ottobre di quell’anno i trasportati erano stati 617: dopo 10 anni sono diventati 1.037. Ma ancora una volta sono gli studenti che sostanzialmente sono “obbligati” a tenere in piedi il servizio: sono passati da 468 unità a 759 con un aumento di 291 che evidentemente si riferisce all’aumento della popolazione scolastica. Gli occasionali sono invece raddoppiati (o quasi) passando da 149 unità a 278. Già l’anno scorso il numero dei trasportati aveva superato quota 1.000 registrando 1.013 utenti con la parte scolastica praticamente uguale a quella del 2018: 757 nel 2017 e 759 nel 2018. Gli occasionali sono invece aumentati di 19 unità (da 259 a 278).

Sono tre le corse che principalmente si spartiscono gli utenti: la linea Oltrefersina fino a Nogaré, la linea per la zona di Castagné e la linea per Roncogno- Costasavina. Insieme trasportano 881 utenti pari all’85% sempre con gli obbligati a farla da padrone (in totale sono 707) contro gli occasionali fermi a quota 174. La dell’Oltrefersina (serve Canzolino, Madrano, Nogaré), trasporta 243 studenti e 87 occasionali (17 in più rispetto al 2017); la linea Castagné con San Vito, S. Caterina e tutta la zona di Valcanover) ha 331 trasportati (275 più 56) in calo rispetto al 2017 di 10 unità; la linea per Roncogno-Costasavina ha invece 220 trasportati (189 più 31) con 19 utenti in più. Sulle altre linee (Viarago – Canezza, Assizzi, Ischia e Circolare) i i rimanenti 156: 52 studenti e 104 occasionali, con la linea per Ischia (e Tenna) a registrare solo 7 studenti e 0 occasionali (l’anno scorso erano 9 e 0), una situazione questa in essere da sempre. Invece la “Circolare” ha dati come il 2017 insieme alla linea Viarago-Canezza e Assizzi .

Il servizio dei trasporti pubblici a Pergine ha un costo di 422.654 euro: sono 407,5 euro per ogni trasportato. Su questa spesa, la Provincia contribuisce con 374.044 euro (compresi gli incassi di 14.260 euro) con 48.610 euro a carico del Comune, pari a quasi 49 euro per trasportato.

“Un servizio, che comunque va mantenuto” la considerazione dell’assessore Massimo Negriolli, competente per il settore.