Attesi quasi 600 mila euro dalle multe 

La cifra nel bilancio di previsione del Comune. Soldi destinati a sostituire la segnaletica e per la manutenzione strade

di Roberto Gerola
PERGINE. Ammontano a quasi 2 milioni di euro le sanzioni che si presume di incassare per violazioni al codice della strada nel corso del 2019, ma detratti gli importi definiti di dubbia esigibilità e quelli destinati ad altri (i Comuni soci del Consorzio e soprattutto la Provincia), la previsione viene ridotta a meno di un quarto (esattamente 573.367 euro). In sostanza, a bilancio (di previsione) del Comune di Pergine si trovano iscritti 1.982.000 euro dei quali 1.765.880 sono destinati al Comune di Pergine (capofila); poi occorre detrarre 723.880 euro di dubbia esigibilità che per Pergine sono 638.342 euro. L’entrata prevista sale di 25.000 euro (incassi di ruoli) dei quali 14.794 euro sono per Pergine. L’entrata scende dunque a 1.258.100 (+ 25.000) euro con la quota destinata a Pergine che scende a 1.127.537 (+ 14.794) euro. Da specificare che 997.319,20 euro (del 1.127.537) riguardano infrazioni all’art. 142 del Cds (limiti di velocità) sul territorio comunale di Pergine. Inoltre, la quota presunta da versare alla Provincia ammonta a 380.000 euro che risulta così composto: 370.956 euro (accertamento delle violazioni ai limiti massimi di velocità effettuate con l’impiego del portale per la videosorveglianza con lettura targhe e controllo velocità sulla SS 47 della Valsugana, accantonamento così quantificato che prevede un importo presunto di 487.500 euro, al netto delle presunte spese sostenute) più 9.043 (incassi da infrazione all’articolo 142 CdS - limiti di velocità - su strade provinciali con l’impiego di strumentazione diversa dal portale per la videosorveglianza sulla SS 47).

Le sanzioni erogate a seguito delle infrazioni registrate dal portale di videosorveglianza ammontano (in previsione) a 1,5 milioni di euro che dedotta la quota “di dubbia esigibilità” (525.000 euro) e dedotta pure la quota destinata alla Provincia (i citati 487.500 euro, pari al 50% della somma residua) riduce la disponibilità a 487.500 euro (l’altro 50% della somma iniziale (1,5 milioni meno i 525.000 euro). La destinazione viene stabilita da una precisa normativa in percentuali che tradotte in cifre indicano: 18.126,94 euro per interventi di sostituzione, di ammodernamento, di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica; 18.126,94 euro al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l'acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature; 36.253,87 euro ad altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, relative alla manutenzione delle strade di proprietà dell'ente, all'installazione, all'ammodernamento, al potenziamento, alla messa a norma e alla manutenzione delle barriere e alla sistemazione del manto stradale delle medesime strade, per la sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli (bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti), allo svolgimento, da parte degli organi di polizia locale, nelle scuole di ogni ordine e grado, di corsi didattici finalizzati all'educazione stradale, eccetera.

Infine: 130.000 euro per l’acquisto e manutenzione segnaletica stradale compresi oneri per il personale adibito alla manutenzione della segnaletica stradale e manutenzione impianti semaforici; 80.000 euro per materiali per manutenzione strade, impianti semaforici e segnaletica stradale; e 290.776 per spese del personale.