IL CASO

Krampus, a Vipiteno c'è stata violenza: traumi ed ecchimosi per un poliziotto fuori servizio

Lo rivela il Sindacato Autonomo di Polizia che esprime solidarietà al collega. L'uomo stava seguendo la manifestazione come comune spettatore (foto Facebook Tuifl Sterzing)

BOLZANO. C'è chi attende la sfilata dei Krampus di Vipiteno "come i bambini aspettano il Natale", vestendosi adeguatamente per "prendere botte", questo quanto scritto su Facebook da un giovane che afferma di essere la "vittima" accasciata a terra che prende calci e bastonate dai diavoli, e chi, invece, vorrebbe assistere alla manifestazione senza avere complicazioni ed invece è costretto a ricorrere alle cure sanitarie.

E' il caso, quest'ultimo, di un agente della Polizia Stradale che giovedì 5 dicembre, libero dal servizio, stava assistendo alla sfilata nel centro dell'Alta Val d'Isarco ed è stato, suo malgrado, oggetto di violenze da parte di uno o più Krampus, riportando "traumi ed ecchimosi in parti delicate del corpo, giudicate guaribili in diversi giorni". 

Vipiteno, i Krampus aggrediscono gli spettatori a calci e pugni

VIPITENO. Calci, pugni e scudisciate, anche a spettatori caduti a terra. La tradizionale sfilata dei Krampus a Vipiteno è stata condita da violenze che non mancheranno di far discutere

A denunciare l'accaduto il SAP, Sindacato Autonomo di Polizia, che, esprimendo la massima solidarietà al collega, specifica: "Pur nel rispetto delle tradizioni storiche territoriali, è indubbio che il nostro collega non facesse parte a nessun titolo del “figurante consenziente”, bensì fosse unicamente un comune spettatore che ha subito l’impropria ed esagerata violenza da parte di taluni crampus che hanno deliberatamente superato i limiti goliardici. L’accaduto sarà denunciato e perseguito nelle opportune sedi giudiziarie".