IL CASO

Tione, trovato al bar durante la quarantena, scoperto dalla Polizia locale

Scattano le sanzioni previste dalla legge

TIONE. Un uomo giudicariese, di rientro da un viaggio in Asia, è stato identificato dagli operatori della Polizia locale delle Giudicarie all’interno di un pubblico esercizio di Tione.

L’uomo, al ritorno dall’estero ha correttamente segnalato all’Apss la sua posizione in relazione alle vigenti normative per contrastare la diffusione del virus Covid 19, ma dopo alcuni giorni di quarantena, ha anticipatamente lasciato il domicilio prima del termine della stessa (14 giorni). Lo afferma una nota della stessa Polizia Locale delle Giudicarie.

Gli è stato ordinato di rientrare in casa ed a suo carico sono scattate le sanzioni previste dal DPCM in corso.

"L’osservanza dell’isolamento domiciliare, a prescindere dal motivo per cui sia stato disposto, viene rimessa in larga parte al senso civico ed alla coscienza del singolo individuo", precisa la Polizia Locale delle Giudicarie. "Non è pensabile che su tutti i soggetti sottoposti a quarantena sia svolto un controllo costante 24 ore su 24 da parte dell’Autorità Sanitaria o delle Forze di Polizia".