il giallo

E’ di un giovane uomo con 3 tatuaggi il cadavere ritrovato a Molina di Fiemme

I carabinieri hanno diffuso alcune informazioni e le foto dei vestiti per aiutare l’identificazione: alto 1,80 metri, corporatura robusta, capelli scuri



TRENTO. E’ di un uomo che potrebbe avere 30-40 anni, alto circa 1 metro e 80, robusto, capelli castano scuro, il cadavere ritrovato il 2 maggio nei boschi a Molina di Fiemme.

Per cercare di identificarlo i carabinieri hanno diffuso oggi (4 maggio) alcune informazioni e le foto dei capi di abbigliamento indossati all’atto del ritrovamento.

Si tratta di una persona di sesso maschile, della probabile età di 30/40 anni, alto circa 180 cm, di corporatura robusta (indossava abiti di taglia XXL, 54/56) e con i capelli colore castano scuro.

Sul corpo tre 3 tatuaggi: uno sull’avambraccio sinistra raffigurante verosimilmente delle frecce incrociate con un elmo al centro; un tatuaggio sul polso destro con delle rune celtiche sovrastate da un tribale pieno tracciati attorno all’arto; un tatuaggio infine sull’avambraccio destro rappresentante una scritta in rune celtiche tracciata attorno all’arto.

Cadavere in val di Fiemme, i carabinieri cercano risposte dagli indumenti

Ecco le foto diffuse dai carabinieri degli indumenti del cadavere in avanzato stato di decomposizione ritrovato lo scorso 2 maggio nei boschi di Molina di Fiemme,. La speranza dei militari dell'Arma è che qualcuno possa riconoscere gli indumenti e arrivare così all'identificazione dell'uomo - LEGGI L'ARTICOLO

Indossava una felpa con cappuccio di colore nero con scritta Everlast sul petto e sul cappuccio; una giacca rossa da motociclista marca Reusch, pantaloni grigi, scarponi da trekking taglia 45.

Il giallo in val di Fiemme: i carabinieri diffondono le immagini dei vestiti dell’uomo trovato morto

Non è stato ancora risolto il giallo della val di Fiemme: l’uomo trovato senza vita nei boschi nei giorni scorsi non ha ancora un nome. Per tentarne l’identificazione, i carabinieri hanno diffuso le immagini dei vestiti che indossava.

















Cronaca







Dillo al Trentino