sci

Discesa donne, Laura Pirovano quinta in Val di Fassa

La 23enne trentina si conferma la migliore delle azzurre. La svizzera Suter si prepara a dare l'assalto al primo posto in classifica di Sofia Goggia  



VAL DI FASSA. L'elvetica Lara Gut-Behrami ha vinto – successo numero 32 in carriera dopo i due ori di Cortina - anche la seconda discesa del lungo fine settimana  in val di Fassa, recupero di quella preolimpica non disputata in Cina causa covid. Alle sue spalle la connazionale Corinne Suter in  mentre terza è la tedesca Kira Weidle.

Miglior azzurra anche oggi la giovane trentina Laura Pirovano -23 anni e dunque una carriera tutta da costruire- con un buon quinto posto, a soli 11 centesimi dal podio. Poi c'è Elena Curtoni 10/a e più indietro Nadia Delago, Francesca Marsaglia Federica Brignone e Marta Bassino, che ha compiuto 25 anni ed è stata festeggiato all'arrivo con banda e fiori.

Con questo primo e questo secondo posto, di Lara Gut-Behrami e Corinne Suter, è stato cosi' sferrato dalle svizzere un vero pesantissimo attacco alla classifica di Sofia Goggia, assente per infortunio, per portarle via la coppa di discesa. Attualmente l'azzurra è infatti sola al comando con 480 punti mentre Suter la segue con 410 e Lara con 383. Il tutto quando manca solo una gara alla fine della stagione, quella che ci sarà proprio in Svizzera il 17 marzo, alle Finali di Lenzerheide. A Suter basterà ancora un secondo posto (80 punti) per vincere la coppa di discesa. Lara -che ormai punta anche alla sua seconda coppa generale dopo quella del 2016- per conquistarla dovrebbe invece vincere ancora e per la terza volta consecutiva raccogliendo così altri 100 punti. E' invece scivolata spettacolarmente nelle reti, ma senza danni, l'americana Breezy Jonhson che si è così autoeliminata dalla corsa contro Sofia Goggia per la conquista della coppa di discesa.

Domani va in scena il superG, altro recupero cinese e gara in cui le azzurre potranno farsi valere di più.













Scuola & Ricerca

In primo piano

Sport

Sci: niente Coppa del Mondo? Zermatt chiude ai professionisti

In estate le squadre 'elite' non si alleneranno sul ghiacciaio, «Il comprensorio Zermatt Bergbahnen punta in futuro a dedicarsi con la massima attenzione agli ospiti nazionali e internazionali, per migliorare l'offerta e dare maggiore spazio alla forte domanda»