l’iniziativa

A Ledro le coperte rosse contro la violenza sulle donne

Staffetta tra i Comuni promotori dell’Alto Garda: raccolti più di 1300 pezzi. Saranno esposte al Centro polifunzionale di Locca



TRENTO. Dopo l'esposizione al castello di Drena a giugno, le coperte rosse contro la violenza sulle donne sono arrivate in Valle di Ledro. Nel Centro Polifunzionale di Locca sono stati sistemati i manufatti (11 in tutto, di varie misure) realizzati dalle volontarie dell'associazione Luogo Comune tra il 25 novembre e l'8 marzo. L'esposizione sarà visitabile durante gli orari di apertura della struttura, in occasione degli eventi in calendario nei mesi di luglio e agosto.

Lo scorso anno il Tavolo intercomunale contro la violenza di genere, un gruppo di lavoro costituito da rappresentanti degli assessorati alle politiche sociali e pari opportunità dei 7 Comuni della Comunità Alto Garda e Ledro, del Servizio socio - assistenziale della Comunità di valle, della Polizia intercomunale e dell'associazione Luogo comune di Riva del Garda, aveva proposto un'iniziativa per sensibilizzare e far nascere riflessioni sul tema della violenza sulle donne e i femminicidi in ambito familiare.

Nata per coinvolgere residenti, operatori e volontari delle Apsp (case di riposo), l'iniziativa è stata allargata a tutti, chiamati a creare dei quadrati di lana rossa di 20x20 cm lavorati a maglia o uncinetto, per formare una grande coperta, che simbolicamente poteva rappresentare alcuni aspetti importanti quali il calore, il riparo e la protezione presenti nelle relazioni sane dove sono determinati la fiducia, il rispetto, l'empatia, la reciprocità e l'ascolto.

In mostra a Ledro le coperte rosse anti violenza

Dopo l'esposizione al castello di Drena, le coperte rosse contro la violenza di genere sono arrivate in Valle di Ledro. Nel Centro Polifunzionale di Locca sono stati sistemati i manufatti realizzati dalle volontarie dell'associazione Luogo Comune. L'esposizione sarà visitabile durante gli orari di apertura della struttura, in occasione degli eventi in calendario a luglio e agosto. LE FOTO

La partecipazione è stata ampia e variegata e i contenitori sistemati presso i municipi si sono riempiti grazie all'impegno di tantissimi singoli cittadini, famiglie, associazioni, non solo dell’Alto Garda e da Ledro ma anche di altre zone del Trentino; alcune formelle sono addirittura arrivate via posta. In totale sono stati raccolti più di 1.300 pezzi.

Il 25 novembre inoltre si è svolta una camminata in riva al lago tra i comuni di Nago-Torbole, Arco e Riva del Garda. Insieme ai sindaci e ai rappresentanti politici dei comuni dell'Alto Garda in testa al corteo, vi è stata una importante partecipazione dei volontari dei corpi dei Vigili del fuoco, delle forze di pubblica sicurezza, di varie associazioni e di tanti cittadini.

La presentazione alla stampa della "coperta rossa" è avvenuta l'8 marzo al parco Nelson Mandela di Arco. Le coperte sono state posizionate attorno alla panchina rossa in modo da formare un labirinto, simbolo della condizione di difficoltà in cui si trovano purtroppo molte donne, che però possono uscirne, con un senso di liberazione e di nuova coscienza di sé e del mondo femminile.

Ora le coperte sono le protagoniste di una staffetta tra i comuni promotori dell'iniziativa: il filo di lana rossa diventa anche il filo conduttore per unire simbolicamente le istituzioni ai cittadini e al mondo del volontariato e può continuare a far nascere riflessioni e occasioni di incontro.

Ricordiamo i numeri antiviolenza: 1522 numero verde antiviolenza e stalking, 112 numero per le emergenze,  0464-571729 Sportello sociale della Comunità Alto Garda e Ledro.

















Cronaca

le foto

I cani del Soccorso alpino veneto nel fango di Casamicciola

Hanno cercato nel fango e tra le macerie tracce di vita insieme ai soccorritori dopo la frana che si è abbattuta su Ischia. Domenica era arrivata la richiesta di poter avere sull'isola 3 unità cinofile del Soccorso alpino Veneto. Loris e Kira sono stati accompagnati assieme a Carlo Apollo e Flò, Ucrc della Calabria, all’aeroporto Marco Polo di Mestre, per essere imbarcati e trasportati a Pratica di Mare e da lì in volo notturno a Ischia, destinazione Casamicciola. LE FOTO (Cnsas)







Dillo al Trentino