LO SCIOPERO

A22, il personale delle aree di servizio Plose Est e Ovest incrocia le braccia

I lavoratori protestano contro il contratto collettivo applicato dai nuovi gestori

Bressanone. Il personale delle aree di servizio Plose Est e Ovest della A22 è in sciopero dalle 6 di oggi, domenica 12 gennaio, per protestare contro l’applicazione di un contratto collettivo “peggiorativo per i lavoratori – così Cgil, Cisl e Uil in una nota diffusa in mattinata – rispetto a quello applicato dal precedente gestore”. In novembre la subconcessione delle attività commerciali nelle due aree di servizio è stata rilevata da due nuovi gestori, Salvetti Rete srl e Tiger Srl. I lavoratori terranno le braccia incrociate fino alle 6 di domani, lunedì 13 gennaio.

“La perdita economica è quantificabile in importi tra i 2 mila e i 3 mila euro annui per i lavoratori. Il contratto applicato non prevede la quattordicesima mensilità e indica maggiorazioni molto più basse rispetto ai contratti siglati da sindacati più rappresentativi. Inoltre non è chiaro se il personale coinvolto continuerà a percepire la stessa retribuzione pagata dal precedente gestore”, spiegano i sindacati presenti al presidio unitario organizzato per la mattinata odierna nell’area Plose Est.