pandemia

Focolaio Covid, in Cina bloccata l'area intorno a mega fabbrica di iPhone

Lockdown fino al 9 novembre. L'impianto della Foxconn funziona da settimane tra le proteste dei lavoratori per la stretta

PECHINO


PECHINO. La Zhengzhou Airport Economy Zone, che in Cina ospita il più grande stabilimento di produzione di iPhone di Apple di proprietà del contractor Foxconn, ha dichiarato oggi (2 novembre) l'imposizione immediata di un lockdown fino al 9 novembre negli sforzi per contenere la diffusione di un focolaio di Covid.

A tutti i residenti della zona sarà impedito di uscire, mentre solo i veicoli autorizzati potranno circolare, secondo un avviso delle autorità locali.

La nota non specifica l'applicazione delle misure possano a Foxconn, il cui impianto ha funzionato nelle ultime settimane tra il malcontento dei lavoratori per la stretta anti-Covid. 













Scuola & Ricerca

In primo piano

Sport

Sci: niente Coppa del Mondo? Zermatt chiude ai professionisti

In estate le squadre 'elite' non si alleneranno sul ghiacciaio, «Il comprensorio Zermatt Bergbahnen punta in futuro a dedicarsi con la massima attenzione agli ospiti nazionali e internazionali, per migliorare l'offerta e dare maggiore spazio alla forte domanda»