Topi d’appartamento in azione Allarme in via Roma a Levico 

I ladri colpiscono ancora. C’è preoccupazione dopo il nuovo colpo messo a segno sfruttando l’assenza dei residenti: sono riusciti a forzare le porte dei balconi e ad uscire poi indisturbati dall’ingresso. E la gente chiede sorveglianza


Beppe Castro


Levico terme. Con l’arrivo dell’estate e, quindi delle vacanze, aumenta anche il rischio di furti negli appartamenti. Anche nella tranquilla Levico si registrano episodi di criminalità durante il periodo estivo, il più ghiotto per i malintenzionati pronti ad affilare le armi pensando alle case che per più di qualche giorno resteranno incustodite, con i proprietari in vacanza in riva al lago o in montagna, ignari della brutta sorpresa che troveranno al ritorno. E’ quello che è accaduto ad una coppia di levicensi dopo aver trascorso il fine settimana in montagna.

Una brutta sorpresa

Tornando lunedì scorso nel centro termale, i proprietari hanno scoperto che la propria abitazione era stata visitata dai ladri. Il fatto è accaduto in via Roma nella strada che porta a Vetriolo e secondo una prima ricostruzione, i ladri si sono introdotti domenica scorsa all’interno dell’abitazione arrampicandosi esternamente sul poggiolo al primo piano della palazzina. I malviventi, dopo aver forzato la porta del balcone, sono entrati in casa, in quel momento incustodita, ed hanno avuto tutto il tempo di agire, rovesciando cassetti e svuotando armadi, in cerca di denaro e oggetti preziosi. I ladri poi sono scappati dalla porta principale della casa, avendola aperta dall’interno, con un bottino di monili e oggetti preziosi per un valore circa di due mila euro. Denuncia presentata ieri mattina dal proprietario ai carabinieri di Levico Terme che hanno avviato le indagini per cercare di individuare e arrestare i malviventi. Il colpo potrebbe essere stato messo a segno da banda con un basista sul posto visto che sapevano per filo e per segno quando entrare in azione senza incontrare resistenza. Molti residenti di via Roma, consci anche di vivere in una zona periferica che si presta a questi fenomeni malavitosi, si sono dotati dei più disparati sistemi di protezione: allarmi di vario tipo, serrature all’avanguardia, inferriate alle finestre, cani da guardia. Ma, sistematicamente, nessuna di queste "protezioni" riesce a mandare in frantumi i piani di ladri specie quando si pubblica sui social il momento in cui si parte per le vacanze. Il consiglio delle forze dell’ordine è quello di evitare di pubblicare notizie o informazioni che diano la possibilità di monitorare spostamenti o pernottamenti lontani da casa. Così come non ostentare immagini di oggetti preziosi o di valore che per il ”ladro 2.0” diventano indicatori importanti di un bottino appetibile presente in un’abitazione. Qualche residente è parecchio allarmato e lancia un grido di allarme.

La richiesta

«Chiediamo alle istituzioni e anche alle forze dell’ordine di interessarsi alle vicende: vogliamo maggiore sicurezza per noi e per le nostre famiglie. È necessario che il territorio venga pattugliato e che l’amministrazione comunale renda operativo un sistema di video-sorveglianza». In effetti installare le telecamere in alcuni punti sensibili di Levico Terme sarebbe importantissimo per prevenire fatti criminosi, agendo come deterrente, e darebbero un impulso importante alle forze dell’ordine che grazie al sistema di video-sorveglianza individuerebbero subito i ladri grazie al numero di targa e il transito delle loro auto visto che provengono da altri paesi vicini. Il sindaco Gianni Beretta rassicura i cittadini e fa sapere che l’impianto di videosorveglianza potrebbe entrare in funzione molto presto.

Telecamere in arrivo

«La gara di appalto è stata indetta ed anche aggiudicata – chiosa il primo cittadin o-. L’inizio dei lavori si avrà nel giro di un mese. Inoltre sono a stretto contatto con la Polizia locale, per la gestione e il controllo del nostro territorio. Purtroppo dobbiamo tener conto che il Corpo è sotto organico e sto cercando di modificare i servizi e le ore di lavoro sull’intero nostro comune». Insomma l’iter per avere le zone sorvegliate di Levico Terme è in corso e i cittadini sperano che alcune telecamere vengano installate presto all’esterno del cimitero visto che in quella zona prosegue l’escalation di furti all’interno delle auto durante la visita ai propri defunti. Le forze dell’ordine affrontano con tenacia e professionalità le emergenze cittadine, ma servono più uomini e mezzi anche se, con l’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza, sia pere attività di indagine che per contrastare i fenomeni di microcriminalità e vandalismo, sarà tutto più facile.

















Cronaca

le foto

I cani del Soccorso alpino veneto nel fango di Casamicciola

Hanno cercato nel fango e tra le macerie tracce di vita insieme ai soccorritori dopo la frana che si è abbattuta su Ischia. Domenica era arrivata la richiesta di poter avere sull'isola 3 unità cinofile del Soccorso alpino Veneto. Loris e Kira sono stati accompagnati assieme a Carlo Apollo e Flò, Ucrc della Calabria, all’aeroporto Marco Polo di Mestre, per essere imbarcati e trasportati a Pratica di Mare e da lì in volo notturno a Ischia, destinazione Casamicciola. LE FOTO (Cnsas)







Dillo al Trentino