IL CASO

"Un passo dal cielo" resta senza lago

Domenica il bacino artificiale di Mosigo, scelto dalla produzione dopo l'addio a Braies, si è svuotato per un guasto. Ciò costringerà la Rai a posticipare le riprese

BELLUNO. Il lago di Mosigo si svuota, costringendo lo staff della fiction Rai “Un passo dal cielo 6” a posticipare di qualche giorno l’inizio delle riprese.

Domenica pomeriggio si è verificato un guasto tecnico nel bacino artificiale incastonato fra gli alberi, con vista su Antelao, Sorapis e Pelmo. In poche parole si è rotta la vite che tiene chiusa la paratoia e il bacino si è svuotato in pochi minuti.

Una doccia fredda per tutto il paese, lanciato a mille all’ora verso le riprese della fiction di mamma Rai. La notizia che la produzione si era spostata dal lago di Braies a quello di Mosigo aveva già fatto fioccare le prenotazioni in zona.

Domenica pomeriggio sono arrivati anche gli attori, compreso il protagonista Daniele Liotti, che ha scattato selfie con chi lo incontrava. Sono arrivati anche i membri dello staff tecnico, che ieri mattina, lunedì 13 luglio, con droni e telecamere, hanno girato alcune scese e alcune riprese aeree sulle Cinque Torri.