il caso

Provincia, 8 mila euro di premio ai dirigenti

Arriva l’ultimo Foreg: 10 mila euro ai dirigenti generali, 2.700 euro ai direttori. Spesa di 1,6 milioni di euro



TRENTO. In attesa del rinnovo dei contratti del pubblico impiego, quindi anche di quello dei dipendenti provinciali, la giunta Rossi stacca l’ultimo assegno del Foreg (relativo all’anno 2015) per dirigenti e direttori. Complessivamente il Fondo per la riorganizzazione e l’efficienza gestionale, erogato come premio di risultato in base alle valutazioni della dirigenza, vale circa 1,6 milioni di euro.

Nel dettaglio vengono confermati i premi dell’accordo 2011: i 100 dirigenti riceveranno in media 8.025 euro (lordi) a testa, i circa 20 dirigenti generali 10.198 euro e i circa 220 direttori d’ufficio 2.724 euro. Nella delibera la giunta ricorda che lo scorso 5 febbraio è stata modificata la metodologia di valutazione dei dirigenti e dei direttori, che si applicheranno però dall’anno prossimo. Per il 2015 è stato fatto salvo quanto stabilito con il vecchio regime di valutazione, in modo da lasciare impregiudicati gli effetti economici. La riforma della dirigente ha stabilito che la quota di premio di risultato non può superare il 15% dello stipendio complessivo.

Per quanto riguarda il 2015 viene ricordato che ci sono alcuni dirigenti che dal 1° ottobre scorso risultano senza incarico, per effetto della riorganizzazione che ha soppresso alcune strutture provinciali: gli obiettivi 2015 risultano però «ampiamente raggiunti e si ritiene pertanto - viene spiegato - di poter procedere alla liquidazione della retribuzione di risultato». Tutti salvi dunque, anche coloro che hanno perso l’incarico operativo.

La delibera stanzia anche 20 mila euro per i dirigenti coinvolti in particolari progetti individuati dalla giunta: 3.500 euro per chi ha lavorato al centesimo anniversario della Grande Guerra; 4.500 euro per l’Accontable manager del Nucleo elicotteri; 8.500 euro per il responsabile della prevenzione della corruzione e 3.500 euro per la voltura catastale automatica.

















Cronaca







Dillo al Trentino