Finti lavoratori stagionali, due arresti

La squadra mobile di Trento mette le manette a un cinquantenne trentino e un bengalese

TRENTO. Per aver tentato di introdurre in Trentino 20 cittadini del Bangladesh per fittizi lavori stagionali, due persone sono state arrestate dalla squadra mobile di Trento. Si tratta di un bengalese di 39 anni residente a Trento e di un trentino di 50 anni. Entrambi devono rispondere di tentato favoreggiamento all’immigrazione clandestina e permanenza di soggetti clandestini, nonchè per falsità materiale ed ideologica. I due - secondo l’accusa - avevano richiesto tramite il sistema meccanizzato del ministero dell’Interno l’ingresso in Italia di bengalesi per il lavoro stagionale.

Una prima richiesta aveva insospettito gli investigatori, che hanno deciso di approfondire gli accertamenti da cui sono emerse richieste per 20 bengalesi in lavori stagionali in agricoltura. Tale necessità di manodopera per due imprenditori sconosciuti appariva strana: sul posto i fondi agricoli a disposizione avevano dimensioni molto piccole. Da ulteriori accertamenti - dicono gli investigatori - è emerso che gli alloggi intestati nelle richieste per ospitare i lavoratori stagionali da assumere erano inesistenti. Le indagini proseguono per accertare se i 20 bengalesi abbiano pagato nel vano tentativo di giungere in Italia.