STUDIO

Classifica Censis, l'Università di Trento si prende un bel 110 e lode

Primo posto tra i medi atenei. Incremento significativo degli indicatori "occupabilità" e "comunicazione e servizi digitali"

TRENTO. Anche quest’anno è disponibile la Classifica Censis delle Università italiane, giunta alla sua ventesima edizione: uno strumento che è stato creato per fornire orientamenti alle scelte di tutti gli studenti pronti a intraprendere la carriera universitaria. Si tratta di un’articolata analisi del sistema universitario italiano (atenei statali e non statali, divisi in categorie omogenee per dimensioni) basata sulla valutazione delle strutture disponibili, dei servizi erogati, del livello di internazionalizzazione, della capacità di comunicazione 2.0 e della occupabilità. 

L’Università di Trento si conferma in vetta alla classifica dei medi atenei statali (da 10.000 a 20.000 iscritti), con un punteggio complessivo pari a 98,7. Sono soprattutto gli incrementi di 10 e 7 punti, rispettivamente, degli indicatori "occupabilità" e "comunicazione e servizi digitali" che, compensando la contrazione di 12 punti dell’indicatore "internazionalizzazione", garantiscono all’ateneo una posizione di vertice.

Con un punteggio complessivo di 96,0 punti l’Università di Sassari scala due posizioni rispetto allo scorso anno, collocandosi al secondo posto e sorpassando così l’Università di Siena, che retrocede in terza posizione con 94,8 punti.