LA SCOMPARSA

Polizia in lutto, morto agente di 38 anni, vittima di una tragica caduta

Dino Macuglia, di Cavalese, era in forza alla polizia stradale sull'Autobrennero

Bolzano. Profondo cordoglio a Bolzano e Trento per l'improvvisa scomparsa di Dino Macuglia, 38 anni, di Cavalese, assistente capo della Polizia Stradale di Trento in servizio sull'Autobrennero e per diversi anni in servizio presso la Questura di Bolzano. E' stato trovato senza vita ai piedi del ponte di Grumes. Per i carabinieri di Cavalese si è trattato di una caduta accidentale.

Solo pochi giorni fa aveva salvato un uomo che voleva gettarsi da un viadotto della A22. Macuglia lascia la moglie Jessica, la mamma Anna e il padre Marzio. Oggi alle 14 il funerale al cimitero di Cavalese.

"Era un ragazzo educato, rispettoso e capace: è una disgrazia per tutti", dice il comandante della polizia stradale provinciale Giansante Tognarelli.

"Siamo costernati per la morte in Trentino del nostro caro e giovane collega Dino Macuglia trovato esanime in Val di Cembra. Alla giovane moglie, ai genitori e al fratello il nostro più sentito cordoglio e la vicinanza di tutto il sindacato di cui Dino era un nostro iscritto". Lo scrive, in una nota, il segretario generale del sindacato di Polizia Mosap, Fabio Conestà. ''E' stato un ottimo operatore, sempre disponibile. Nel 2017 ha ricevuto una nota di compiacimento per aver tratto in arresto un cittadino polacco destinatario di un mandato d'arresto europeo".