clima e smog

Niente pioggia e inversione termica: l’aria trentina è inquinata

Il report dell’Appa di febbraio: polveri sottili per 10 giorni sopra i limiti. Situazione rientrata alla normalità solo a fine mese grazie al vento



TRENTO. Tra gli altri effetti negativi, la mancanza di pioggia produce anche un aumento dell’inquinamento dell’aria. Il mese di febbraio 2023 – spiega nel suo report l’Agenzia per l’ambiente trentina – è stato caratterizzato da condizioni meteorologiche singolari, tipiche dei mesi invernali ma che di rado si presentano con tale intensità. La totale assenza di precipitazioni è stata affiancata, soprattutto nella seconda parte del mese, da una prolungata condizione di alta pressione che ha portato una forte inversione termica durata per più giorni consecutivi. Queste condizioni hanno favorito il ristagno degli inquinanti nelle zone di fondovalle, impedendone la normale dispersione.
A fronte di un innalzamento delle polveri sottili, vanno comunque registrati i valori in leggera diminuzione, rispetto al trend degli ultimi anni, del biossido di azoto.
In questo contesto meteo-climatico di alta pressione prolungata, al contributo delle emissioni locali si è aggiunto il trasporto di inquinanti precedentemente accumulati e provenienti da sud, in particolare dal Bacino Padano, che hanno in parte raggiunto anche le nostre valli. L’effetto è stato quello di una repentina risalita delle concentrazioni di polveri sottili PM10. Questa situazione meteorologica ha causato, per dieci giorni consecutivi dal 16 al 25 febbraio, il superamento del limite previsto per la media giornaliera di PM10 (50 μg/m3) in tutte le stazioni di fondovalle della rete di monitoraggio provinciale.

La situazione è rientrata nella norma solo a fine mese con l’arrivo di vento da nord che ha determinato un rapido rimescolamento atmosferico e la rimozione delle sostanze inquinanti accumulate in precedenza.

Malgrado queste condizioni meteorologiche purtroppo favorevoli al ristagno degli inquinanti, le concentrazioni di biossido di azoto NO2 non hanno invece evidenziato alcuna anomalia ed hanno fatto registrare, anche per il mese di febbraio, valori del tutto in linea o in leggero miglioramento rispetto alle medie misurate nel febbraio degli ultimi cinque anni, confermando il trend di generale diminuzione in atto per questo inquinante.













Scuola & Ricerca

In primo piano

Viabilità

Quanta neve sullo Stelvio: si complica la riapertura anche per la prossima settimana

Nuovamente a rischio slittamento l’accesso al traffico. Si lavora per sgomberare la neve e installare la segnaletica, c’è da valutare la situazione atmosferica per i prossimi giorni

IL GIRO La tappa per il Giro d’Italia era già saltata per la neve

GIUGNO Il mese di giugno è stato caratterizzato proprio dalla quantità di precipitazioni e neve abbondanti – il video 

LA SITUAZIONE Riaperto invece il 14 giugno Passo Rombo