AZIENDE

MobyGis, la startup che aiuta le aziende monitorando neve e corsi d'acqua

Insediata al Bic di Trentino Sviluppo a Pergine Valsugana lavora in Spagna e Germania



TRENTO. Le sfide del cambiamento climatico hanno generato nuovi mercati. È il caso di MobyGis, startup di sette giovani ingegneri ambientali trentini, veneti e lombardi insediata al Bic di Trentino Sviluppo a Pergine Valsugana, in Trentino, impegnata a monitorare neve, ghiacciai e corsi d'acqua. In Andalusia aiutano la municipalità di Siviglia a ottimizzare le forniture idriche in base alle previsioni sulla siccità. In Germania, nella regione del fiume Reno, supportano industrie e assicurazioni per cui è importante conoscere quando e quanto il fiume non sarà navigabile per il trasporto merci.

«Tra poco studieremo anche i dati dei Pirenei. Ci stiamo attrezzando per vendere, oltre ai dati, anche la suite di calcolo e formazione specialistica, specialmente per i mercati più lontani, come il Sudamerica», racconta Matteo Dall'Amico, fondatore e ceo di MobyGis. Grazie ai modelli previsionali il team, età media 30 anni, può fare affidamento su 256 milioni di dati.

«Grazie all'open data, abbiamo accesso a 490 nivometri e oltre 2.100 stazioni meteorologiche, provenienti da stazioni in Italia da Trentino, Veneto, Lombardia, ma anche in Austria e Germania, generando un totale di circa 256 milioni di record. Se a questi aggiungiamo i dati satellitari raccolti dalla piattaforma Copernicus dell'Agenzia spaziale europea possiamo davvero parlare di big data», aggiunge Dall'Amico. Il progetto è aperto anche ai singoli cittadini che possono, tramite la app Mysnowmaps, inserire una misura di neve durante le uscite di scialpinismo, contribuendo quindi al monitoraggio della neve e dell'acqua: «Per questo progetto abbiamo vinto il premio europeo Cseol per la Citizens Science, la scienza cui contribuiscono i semplici cittadini», conclude il ceo. 

















Cronaca

le foto

Francesco, l'abbraccio dopo una notte trascorsa da solo nel bosco a nove anni

Francesco, visibilmente spaventato per la notte trascorsa in mezzo al bosco, è stato avvicinato con molta cautela dai tre soccorritori dell'elicottero Drago 149 dei Vigili del fuoco di Venezia. "Andiamo a fare un giro in elicottero?" gli ha chiesto uno dei tre. Il bambino ha accettato subito, vincendo le paure. E' stato imbragato e insieme ad un vigile del fuoco che lo ha abbracciato con il verricello è stato portato in volo sino al campo base, dove lo aspettavano i genitori. (foto vigili del fuoco)

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino